Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PROGETTO

Sirti battezza la fase 2 di “Imprenditivity”

Dopo aver coinvolto le risorse interne in un contest creativo per la selezione di idee capaci di migliorare la vita in azienda, il gruppo ha aperto un bando di gara riservato alle Pmi

10 Set 2019

D. A.

Al via la seconda fase di Imprenditivity, il progetto che Sirti, società specializzata nelle infrastrutture tecnologiche, ha ideato per fare innovazione in modo non convenzionale. Nella prima fase, il piano ha visto il coinvolgimento di tutti i dipendenti dell’azienda in un contest creativo, durante il quale sono state selezionate le idee in grado di creare valore per l’azienda risolvendo problemi reali o abilitando a nuove opportunità di business. Con la seconda fase, quella per l’appunto lanciata oggi, attraverso un approccio di Open Innovation, è stato aperto un bando di gara per la realizzazione delle challenge selezionate. Attraverso la Call4startup, l’azienda chiama in campo Startup e Pmi per collaborare insieme al fine di realizzare uno o più progetti.

Nell’area Innovazione, si legge in una nota dell’azienda, Sirti ha da tempo adottato il paradigma dell’Open-Innovation e della Co-Innovation, attivando numerose collaborazioni virtuose con Startup e avviando sperimentazioni di nuove soluzioni tecnologiche in partnership con i clienti.

Dalle cinque idee più interessanti emerse, sono nate dunque altrettante challenge che alimenteranno la seconda fase del programma. A questo punto saranno le startup e le Pmi a giocare un ruolo da protagonista, ma senza dimenticare gli “inventori”, ovvero, i dipendenti Sirti che, con le loro idee, hanno contribuito alla generazione delle cinque challenge. Il programma Imprenditivity, infatti, prevede per loro un ruolo attivo fino al termine del ciclo di innovazione.

Le startup (o Pmi) potranno candidarsi alla call attraverso il portale digitale dedicato alla raccolta delle idee. Tutte le candidature verranno valutate dallo staff di Imprenditivity e dagli “inventori” e riceveranno risposta dall’azienda. Le startup ritenute in linea con il progetto saranno convocate e potranno presentare la loro azienda in occasione del demo day previsto per il prossimo autunno. Durante l’evento verranno selezionate le startup che lavoreranno alla realizzazione di una proposta commerciale completa di business plan da presentare al Comitato Investimenti Sirti. Le startup le cui proposte verranno valutate positivamente dal Comitato, riceveranno una commessa commerciale per lo sviluppo della soluzione proposta.

“Per Sirti l’innovazione è sempre stata una sfida continua, motore per il rinnovamento di competenze e capacità operative, ed elemento cardine della propria competitività”, dichiara Pietro Urbano Mimmo, Vice President Innovation & Communication del gruppo. “Oggi l’innovazione è un processo pervasivo e si fa in rete, condividendo in logica aperta problemi e soluzioni con clienti, partners tecnologici e startups, anche mettendo in comunicazione filiere industriali appartenenti a settori diversi. Per questo motivo abbiamo lanciato Imprenditivity, un contest creativo volto a coinvolgere nel processo di innovazione tutta l’azienda e ad aprire le porte alle virtuose collaborazioni con le startup e Pmi”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5