IL PROGETTO

Sirti digitalizza il patrimonio culturale di Roma Capitale

Avviata una collaborazione con Zètema Progetto Cultura per affiancare la Sovrintendenza della città nello sviluppo del Sistema Informativo Musei Arte Archeologia Architettura (Simart)

10 Mag 2022

Domenico Aliperto

Sirti è partner tecnologico della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali per digitalizzare il patrimonio artistico di Roma Capitale.

Il progetto realizzato con la Sovrintendenza

Sirti Digital Solutions, parte dell’hub di innovazione nel campo dello sviluppo delle infrastrutture di rete, ha infatti avviato una collaborazione con Zètema Progetto Cultura per affiancare la Sovrintendenza nello sviluppo del Simart (Sistema Informativo Musei Arte Archeologia Architettura di Roma e Territorio), il sistema per la catalogazione e gestione dei beni culturali, monumentali e territoriali di pertinenza di Roma Capitale. Il gruppo comunica che le schede dei beni a oggi inserite nel data base grazie a questo progetto sono circa 500 mila e appartengono a 33 differenti strutture tra musei, collezioni, archivi e patrimonio monumentale diffuso.

WHITEPAPER
Documenti digitali vs cartacei: come diventare un'azienda digitale a tutti gli effetti?
Dematerializzazione
Fatturazione elettronica

“Il Simart rappresenta un significativo esempio dell’utilizzo delle infrastrutture di rete. D’altra parte, questo progetto esprime una sfaccettatura delle grandi potenzialità della digitalizzazione”, spiega Gianni Sannino, Head of Operation It del Gruppo Sirti. “Un importante repository di schede di catalogo di un patrimonio complesso, funzionale per un’efficiente gestione e fruizione dei contenuti artistici. La capacità di system integrator della Digital Solutions ci consente di gestirne la complessità del progetto. Un esempio tangibile dell’indiscusso valore della tecnologia a beneficio della collettività’’.

Gli altri compiti di Sirti

Di recente, inoltre, è stato lanciato SimartWeb, il portale che consente la divulgazione del patrimonio artistico al grande pubblico, attraverso una user experience semplice e moderna. Il sito, realizzato con piattaforme Open Source, è integrato con la base dati del Simart attraverso un WorkFlow di selezione.

Sirti vede poi confermato il suo impegno per la manutenzione evolutiva del Simart nella versione a uso interno, dopo esser risultato vincitore della gara per lo sviluppo del progetto anche per quest’anno. Dal 2019, infatti, Sirti ha avviato una attività di analisi e progettazione per potenziare i moduli del Simart dedicati alla gestione integrata degli spazi espositivi sia indoor sia outdoor, attraverso tecnologie IoT all’avanguardia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5