Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Sistema di allerta europeo. In Italia il “cervello” anti-calamità

Realizzato nei laboratori di Alcatel-Lucent di Battipaglia il software di comunicazione del progetto Ue per la gestione centralizzata degli interventi in caso di disastri naturali. Al via i test in vista dell’operatività nel 2013

17 Gen 2011

Passa per i laboratori di Alcatel-Lucent a Battipaglia il nuovo
"cervello" per la gestione tempestiva e multidirezionale
delle situazioni di pubbliche emergenze, finanziato dall’Unione
Europea. Lo rende noto Alcatel-Lucent. Sotto la lente del centro
italiano passerà il coordinamento dei vari enti per la gestione di
interventi in caso di calamità ambientali causate da problemi
idrogeologici o eventi sismici, propagazioni di sostanze tossiche,
gravi situazioni di maltempo, attacchi terroristici, disordini. In
altre parole, l'obiettivo è la gestione centralizzata di ogni
situazione di minaccia per la pubblica sicurezza.

Tutto questo potrà avvenire unificando i diversi flussi di
informazione, oggi a disposizione sempre più numerosi, migliorando
tempestività e "intelligenza" dell’informazione. La
Commissione Ue è sponsor del programma Ess (Emergency Support
System), un progetto di ricerca del costo di 14 milioni di euro,
dei quali oltre 9 forniti dalla stessa Unione Europea, che
coinvolge 19 aziende e laboratori internazionali.

Ad Alcatel-Lucent Italia compete lo sviluppo di una parte
qualificante del software di integrazione, relativa alla
comunicazione con gli organismi di sicurezza e con i cittadini.
L’Ess è parte del Settimo Programma Quadro Europeo (Sezione 10
– Sicurezza – Contratto n.217951, coordinatore Gideon Hazzani /
Verint).

La catena dell’informazione sul teatro di crisi. La
"piattaforma" Ict in via di sviluppo nel progetto Ess
sarà in grado di raccogliere le informazioni da tutte le fonti
possibili (ad es. sensori, dispositivi di geo-localizzazione,
videocamere intelligenti ecc. disponibili su piattaforme fisse e
mobili), aggregarle e presentarle in modo significativo e
organizzato presso i Centri di Controllo e di Sicurezza.

L'obiettivo è facilitare lo scambio di informazioni tra
personale di sicurezza sul territorio ed i Centri, fornendo i
necessari strumenti di supporto decisionale, il tutto attraverso un
portale web integrato.

Infine Ess invierà comunicazioni in tempo reale alle squadre
impegnate sul territorio, alle autorità impegnate nelle situazioni
di crisi, alle strutture di supporto (ospedali, enti territoriali,
agenzie ambientali ecc.) e ai cittadini.

Un innovativo "Sistema di Allerta" in corso di sviluppo
presso i laboratori di Alcatel-Lucent Italia è l’artefice di
questa diffusione multi direzionale delle comunicazioni e
permetterà il veloce invio di messaggi alla popolazione tramite i
mezzi di comunicazione più opportuni, come l’invio di chiamate
telefoniche con messaggio registrato, la diffusione contemporanea
di sms ed e-mail, display stradali, ecc.

Il progetto Ess verrà completato entro il 2013 e ha già segnato
un primo passo con una fase di test condotta in Germania nel 2010,
che ha validato un primo prototipo del Sistema, dimostrando la sua
capacità di soddisfare i requisiti di base dei principali
utilizzatori internazionali, come confermato dall’esito dei test
e dai positivi riscontri ottenuti presso i rappresentanti degli
organismi presenti (Vigili del Fuoco, Polizia, Corpi militari
ecc.).

Un sistema che parla una lingua comune in Europa. Test degli
ulteriori stadi di avanzamento del progetto saranno condotti
successivamente in Francia e in Italia, su un nuovo prototipo
funzionale che verrà realizzato nel 2011, per dimostrare
l’interoperabilità tra diversi sistemi, anche appartenenti a
più paesi, e la capacità della piattaforma Ess di gestire
problematiche di sicurezza diverse tra di loro, per un facile ed
efficace utilizzo in un contesto pan-europeo o mondiale.

"Ess è un Sistema di controllo per eventi calamitosi ed è
innovativo soprattutto perché è capace di integrare informazioni
provenienti da diverse fonti e piattaforme tecnologiche, validarle,
presentarle in modo unificato, consentendo poi di inviare in tempo
reale al personale operativo i dati utili per la gestione delle
emergenze e al tempo stesso ai cittadini le informazioni necessarie
per mettersi al sicuro – dice Carmine Lausi, capo progetto Ess per
Alcatel-Lucent nei laboratori di Battipaglia – La qualità e la
velocità con cui le informazioni sono fornite sono spesso
essenziali ai fini della sicurezza e il compito specifico di
Alcatel-Lucent Italia in Ess è proprio quello di fornire a un
enorme numero di destinatari informazioni facilmente comprensibili,
nel modo più veloce possibile, tramite tutti i mezzi di
comunicazione disponibili, in base alle preferenze di ogni singola
persona”.

Maggiori informazioni sul progetto sono disponibili sul sito
www.ess-project.eu, dove sono disponibili anche due video che
descrivono in modo efficace il Sistema ed i test effettuati in
Germania.