Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

CONFINDUSTRIA

Sit: Gianni Potti confermato presidente del coordinamento territoriale

Rimarrà in carica, alla guida del Cnct, per il biennio 2105-2017. Tre le priorità del nuovo mandato Industria 4.0 e lo sviluppo dei progetti europei

03 Dic 2015

A.S.

Gianni Potti (nella foto) è stato confermato per il biennio 2015-2017 come presidente del Comitato Nazionale di Coordinamento Territoriale (Cnct) di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici. 56 anni, imprenditore padovano nel settore della comunicazione e del digitale, Potti è attualmente consigliere della Camera di Commercio di Padova, consigliere delegato “Agenda Digitale e Smart Cities” di Confindustria Veneto, presidente di Fondazione Comunica, cofounder di Talent Garden Padova, consigliere di Reteimpresa e digital champion Veneto.

Con questa nomina potti è stato confermato dall’assemblea vicepresidente di Confindustria Servizi Innovativi, ha puntato sui servizi ad alto contenuto di conoscenza ed a largo impiego delle nuove tecnologie (KIBS), per un comparto composto in Italia da 800mila tra grandi, medie, piccole e micro imprese, che dà lavoro a 2,1 milioni di addetti e registra fatturati attorno ai 255 miliardi di euro complessivi, generando 110 miliardi di valore aggiunto, circa l’8% del Pil nazionale.

“Dopo aver rafforzato la nostra presenza sui territori, con questo nuovo mandato – afferma Potti – punteremo a rinforzare ancor più il legame tra territorio e associazioni di categoria grazie ad uno stretto rapporto con la Presidenza della Federazione. Puntiamo a un deciso sviluppo dei nostri progetti strategici: Fabbrica 4.0, con altri road show, una piattaforma reti di aggregazione di imprese e una forte sinergia tra servizi innovativi e manifatturiero; Contratto di lavoro; Appalti e sburocratizzazione (nuova normativa e Consip); Progetti europei (per le nostre imprese e in sinergia con il manifatturiero). Punteremo poi a costituire un Osservatorio nazionale sui settori di nostro interesse, a fare formazione anche a noi imprenditori, a creare reti e piattaforme di imprese. Continueremo a rafforzarci nei territori, con forti presidi territoriali e coordinamenti regionali, per dare maggior rappresentanza al settore dei servizi innovativi e tecnologici, decisivo, oggi più che mai, per far crescere l’Italia ben oltre lo zero virgola. Ci aspettano sfide sulla dimensione delle nostre aziende, di qualità, sui nuovi skill emergenti, per far capire alla politica di rimettere l’impresa al centro dello sviluppo del Paese”.

Nel corso dell’Assemblea del Comitato Nazionale di Coordinamento Territoriale è stata eletta la squadra del presidente, ovvero il Comitato di Presidenza, composta dai vicepresidenti Luciana De Fino (Basilicata), Cristiano Ercolani (Friuli Venezia Giulia), Stefano Massari (Emilia Romagna), Mariarosaria Scherillo (Puglia); e dai Consiglieri di Presidenza: Carlo Berardelli (Lazio), Alessandro Fantini (Toscana), Fabrizio Luciani (Marche), Paolo Mauri (Lombardia).