Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

A Milano un nuovo spazio di co-work e co-baby

02 Dic 2014

Consentire la convivenza di lavoro e famiglia in uno spazio di co-work e co-baby. E’ nato con quest’obiettivo Qf, a Milano, in via Procaccini 11, dall’iniziativa di Erika Martinazzoli, web designer, e Raffaella Celi, psicologa, che hanno immaginato e realizzato uno spazio di co-baby distante 13 passi dal posto di lavoro, il co-work con 10 postazioni totali, sala riunioni, uffici privati e lounge kitchen. “Qf è uno spazio smart e accogliente per professionisti, creativi, startupper basati a Milano, ma anche solo di passaggio in città, alla ricerca di un luogo non tradizionale, dove poter lavorare in un ambiente stimolante che consente di attivare scambi e commistioni professionali, tipici dell’economia della condivisione – si legge in una nota – A questa opportunità si affianca quella di poter usufruire della struttura co-baby, che accoglie bambini dai 3 mesi ai 6 anni (con un servizio micro-nido per un massimo di 8 bambini da 3 mesi a 3 anni e un servizio nido per un massimo di 15 bambini fino a 6 anni), e può essere utilizzata sia da professionisti che nel frattempo svolgono la loro normale attività professionale nello spazio di co-work, sia da esterni che possono affidare i loro bambini a una struttura professionale, anche solo per poche ore e nel week end”.

Lo spazio è stato progettato dai designer d’interni Lucia Andrea Forni (Laf) e Leonardo Battistini. Il progetto pittorico, invece, è curato da Laf attraverso uno studio di fusione tra forme geometriche e colore, risultato della passione della designer per la grafica, le arti manuali e gli spazi architettonici, e ispirato all’astrattismo di Giò Ponti.

“Offre 10 postazioni – prosegue il comunicato – di cui 7 distribuite su un grande e suggestivo tavolo centrale di legno d’abete ricavato da vecchie tavole da ponteggio lavorate a mano, altre 3 sul bancone laterale, per chi ad esempio volesse usufruire del servizio solo per poche ore, tipicamente chi si trova in città per poco ma ha bisogno di uno spazio dove poter lavorare tra un appuntamento e l’altro. Una sala meeting attrezzata e due uffici privati per chi ha necessità di maggiore riservatezza completano l’offerta per la parte di lavoro, mentre la zona living/food per coffee o lunch break offre la possibilità di preparare lunch o snack secondo le proprie esigenze alimentari, utilizzando gli spazi kitchen completamente attrezzati e a disposizione degli ospiti. Infine, nello spazio di Qf sarà allestito il primo Fred Point di Milano, il servizio, premiato al Web Summit 2014 di Dublino, per condividere libri registrandosi su una piattaforma digitale dedicata e incontrare nuove persone per lo scambio fisico delle opere presso il co-work di Qf.

Articolo 1 di 5