Intelligenza artificiale: Unidata lancia le telecamere per le smart city - CorCom

INNOVAZIONE

Intelligenza artificiale: Unidata lancia le telecamere per le smart city

Apertura all’AI on edge applicata ai sistemi di visione autonomi grazie alla partnership con Ttm Technology. Applicazioni anche per la building automation e la teleassistenza

08 Nov 2021

Veronica Balocco

Unidata si lancia all’esplorazione del mondo “Edge AI vision”, l’intelligenza artificiale applicata ai sistemi di visione autonomi: in arrivo soluzioni avanzate e innovative grazie alla collaborazione con Ttm Technology, ancora insieme con la società Bridge 129.

Le telecamere smart, grazie all’aumento delle capacità di elaborazione locale e alla riduzione dei consumi, permettono di implementare soluzioni di intelligenza artificiale basate su reti neurali che trasformano i sistemi di visione in “sensori intelligenti”. Queste telecamere, oltre alle già note funzioni di sicurezza e controllo, permetteranno di ottenere informazioni come, ad esempio, il numero e la dimensione dei parcheggi disponibili, il numero delle persone presenti (in un’area aperta o in un ambiente chiuso), il numero di veicoli in transito, la velocità media dei veicoli, lo stato di salute delle piante e così via.

Informazioni più importanti delle immagini

Questi “sensori intelligenti” connessi alle reti, piattaforme e applicazioni IoT LoraWan di Unidata permetteranno di estendere la gamma di servizi innovativi nei settori delle smart city, della building automation, della teleassistenza, della smart agricolture.

WHITEPAPER
Product Lifecycle Management: cos’è, come funziona e come deve evolvere
Logistica/Trasporti
Manifatturiero/Produzione

Unidata da tempo, anche all’interno di progetti internazionali di ricerca e sviluppo, sta aumentando il proprio know how sul tema dell’intelligenza artificiale e dell’edge computing” – dichiara Patrizio Pisani, capo della funzione di ricerca & sviluppo di Unidata – “Questo nuovo accordo con Bridge129 e Ttm Technology rafforza e conferma la nostra visione che la via maestra per offrire soluzioni complesse innovative e sostenibili passa sempre dalla collaborazione tra le realtà che all’interno di un mosaico così complesso possano fornire un tassello che sia sempre un’eccellenza tecnologia”.

“Nell’era dei dati, le informazioni diventano più importanti delle immagini” dichiara l’amministratore delegato di Bridge 129 Alberto Artioli, precisando che “come parte di Ttm Technology, realtà italiana impegnata nella produzione di dispositivi e sistemi con intelligenza artificiale a bordo per applicazioni di smart city, smart mobility e business intelligence, Bridge 129 svolge attività di progettazione e integrazione delle diverse tecnologie elettroniche necessarie alla realizzazione di impianti ed apparati complessi. Lo sviluppo con Unidata ci consentirà di poter offrire innovativi servizi ad alto valore tecnologico “.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5