Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INNOVAZIONE

Italia digitale, ecco la mappa dei Comuni 4.0

Le risposte al questionario di Corte dei Conti e Team digitale disegnano un Paese all’avanguardia in alcune aree ma anche territori in forte ritardo. Firenze, Roma e Bolzano in pole per Spid. Milano al top per PagoPA. Per Anpr si apre la sfida delle città metropolitane

22 Nov 2019

F. Me.

Una sorta di mappa dell’Italia digitale. È quella che emerge dal questionario inviato dalla Corte dei Conti in collaborazione con il Team digitale sullo stato di attuazione del Piano Triennale. L’analisi delle risposte – ha inviato i dati il 92% degli enti coinvolti – offre un quadro a macchia di leopardo, con enti in pole su alcune iniziative e meno performanti su altre.

Come annunciato dal commissario al Digitale, Luca Attias, e dal Team in occasione dell’incontro con i giornalisti e i  manager del gruppo Digital360, sul fronte Spid sono da considerarsi all’avanguardia il Comune di Firenze che ha reso il servizio di iscrizione agli asili nido “Spid-only”; il Comune di Roma che ha effettuato lo switch off di alcune prestazioni e quello di Bolzano. Quest’ultimo è quello dove si sono erogate più identità digitali in rapporto alla popolazione. Aci è best practice per PagoPA, dato che consente di pagare il bollo sul sistema; segue Milano che ha fatto migrare il pagamento di Tari e multe. Gallarate è invece è il primo Comune che applica uno sconto sulla Tari a chi la paga su PagoPA. Infine Anpr: sugli scudi i piccoli comuni di Bagnocavallo e Cesena che sono stati tra i primi a passare sul database nazionale; tra le città più grandi Milano e Torino.

I risultati del questionario raccontano dunque di come i territori e le città siano le teste d’ariete per la realizzazione di un modello di sviluppo digitale e sostenibile.

Le comunità locali giocano infatti un ruolo cruciale nell’attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030, entrati con rinnovato vigore nelle agende politiche nazionali.

Come coniugare innovazione urbana e sviluppo sostenibile? Come utilizzare al meglio le nuove tecnologie per far fronte alla complessità della governance dei territori? Come orientare i processi di trasformazione istituzionale e organizzativa in atto negli enti locali al miglioramento della qualità della vita e alla creazione di valore pubblico?

Sono alcune delle domande a cui proveremo a dare risposta il 27 novembre nell’evento conclusivo di Forum PA  Città, alla presenza del Ministro per l’innovazione e le tecnologie. Un momento di analisi e confronto sui risultati della due giorni di lavoro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

F
Fpa

Approfondimenti

A
anpr
F
forumpa città
P
pagopa
S
smart city
S
spid

Articolo 1 di 4