Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SMART METERING

L’Europa batte gli Usa sui contatori smart per il gas

Ricerca Frost & Sullivan: Emea il più grande mercato del settore trainato dalla sostituzione dei contatori elettrici. Tra i paesi più attivi Francia, Italia, Regno unito e Paesi Bassi

25 Ott 2016

A.S.

La sostituzione del contatore elettrico, con l’introduzione dei modelli “intelligenti”, potrebbe essere una buona occasione per dare una spinta decisa sulla “trasformazione digitale” anche dei contatori del gas. E’ quanto emerge dall’analisi “Global smart gas meters market”, che fa parte del programma Power generation growth partnership service di Frost & Sullivan. “Gli enti regolatori riconoscono i benefici economici di un’infrastruttura delle comunicazioni condivisa per i contatori elettrici e del gas – si legge in una nota -. Il Lussemburgo sta già attuando un programma di implementazione del dual-fuel e si stanno pianificando progetti simili anche in Germania, Austria, Irlanda e Belgio dopo il successo dei programmi pilota”.

Grazie al procedere delle installazioni di contatori del gas intelligenti in Francia, Italia, Regno Unito e Paesi Bassi, la regione Emea – evidenzia la ricerca – ora rappresenta il principale mercato regionale dei contatori del gas, davanti al Nord America, che sarà sorpassato anche dal mercato della regione Asia-Pacifico, esclusa la Cina, entro il 2018.

“L’approvazione di una legislazione favorevole come il Terzo Pacchetto Energia dell’Unione Europea ha dato un notevole slancio alla crescita delle soluzioni avanzate per i contatori – afferma Maximilian-Eckart Wernicke, consulente del gruppo Energia e Ambiente – In assenza di mandati a livello nazionale, le utility del gas avrebbero trascurato il segmento residenziale e offerto i contatori del gas intelligenti soltanto ai clienti industriali e commerciali con consumi annuali superiori a 1.500.000 kWh

WHITEPAPER
Blockchain nel settore energetico: quali opportunità per lo scambio di energia P2P?
Blockchain
Utility/Energy

Le diverse specifiche nazionali per i contatori intelligenti, sottolinea il report, rendono difficile per molti produttori di contatori commercializzare i propri prodotti a livello globale. Soprattutto, i costi totali di possesso dei contatori del gas intelligenti sono, in molti casi, superiori al risparmio complessivo sui costi dell’energia. Di conseguenza, le installazioni residenziali sono spesso ridimensionate, posticipate o annullate.

“Molti fornitori affermati stanno definendo sempre più la propria proposizione di valore come ottimizzazione dei processi di business delle utility – osserva Wernicke – Questo sviluppo segna una fase di transizione in cui i produttori di contatori si convertiranno da meri fornitori di componenti a fornitori di servizi completi che offrono soluzioni per la gestione dell’energia e che si occupano della lettura dei contatori per conto dei propri clienti”.

Rispetto ai contatori di gas non intelligenti, la quota di contatori del gas intelligenti installata annualmente aumenterà dall’attuale 18,5% fino al 51% nel 2025. Anche la liberalizzazione del mercato e la crescita del numero di abitazioni nei paesi sviluppati espanderanno la base di clienti dei contatori del gas intelligenti e, in definitiva, aumenteranno le opportunità di profitto.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link