Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PRIMATO

Moovit “regina” delle app per il trasporto: 28 milioni di utenti in 700 città

Il servizio è attivo in 58 Paesi nel mondo. In Italia utenti raddoppiati nel 2015: sono più di 2 milioni in 37 centri urbani

24 Set 2015

A.S.

Più di 28 milioni di persone da 700 città in 58 paesi nel mondo utilizzano Moovitt, “l’applicazione intelligente per il trasporto pubblico”: cifre che hanno portato il servizio a diventare l’app numero uno per il trasporto pubblico locale. “Sono numeri – spiega l’azienda in una nota – che superano qualunque altra app disponibile su scala globale, inclusi i servizi per il trasporto offerti da Google e Apple”.

Grazie ai dati crowdsourced ottenuti con l’attiva partecipazione della sua community, Moovit aggiunge al suo database una nuova città ogni 24 ore, “dimostrando – prosegue il comunicato – di poter mappare a livello globale i servizi di trasporto pubblico con un tasso di crescita che non ha eguali nel mondo e non mostra segni di rallentamento”.

In Italia, nel 2015 Moovit ha raddoppiato il numero di utilizzatori: a settembre, ha superato i 2 milioni di utilizzatori su 37 città servite. A inizio 2015, erano 1 milione su 23 città. “La community italiana – sottolinea l’azienda – è tra le più attive e partecipative al mondo”.

“La leadership incontrastata di Moovit è il risultato di una community di utilizzatori estremamente motivata e supportata dalla sua piattaforma di editing – conclude la nota – Questa piattaforma proprietaria, infatti, permette agli utilizzatori di mappare l’intero sistema di trasporto in modo che le città dove non sono ancora disponibili le informazioni sul trasporto pubblico possano ugualmente beneficiare di Moovit”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
app
A
apple
G
google
M
moovit
T
tpl

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2