Smart road, Anas mette sul piatto 1 miliardo di euro per la digitalizzazione - CorCom

IL PIANO

Smart road, Anas mette sul piatto 1 miliardo di euro per la digitalizzazione

L’annuncio dell’Ad Simonini: “Trasformeremo la nostra rete nel più grande laboratorio europeo di smart mobility sostenibile”. Iot, intelligenza artificiale, big data e sensoristica avanzata per rendere più efficienti i flussi di traffico e migliorare la sicurezza

20 Mag 2021

Veronica Balocco

A fronte di una guida che sarà sempre più smart, connessa e sostenibile «il quadro comunitario e internazionale di digitalizzazione delle infrastrutture stradali rappresenta una sfida infrastrutturale senza precedenti». In questo contesto, Anas vuole assumere «un ruolo di pioniere per disegnare e sperimentare iniziative innovative e di sviluppo tecnologico, per trasformare la nostra rete nel più grande laboratorio europeo di mobilità Smart sostenibile».

E’ quanto affermato dall’amministratore delegato e direttore generale di Anas, Massimo Simonini, in occasione del webinar online dal titolo “La mobilità del futuro” organizzato dall’Osservatorio economico e sociale Riparte l’Italia. L’investimento complessivo, ha dichiarato il numero uno di Anas, è di un miliardo di euro ed è in corso una prima fase con un investimento di circa 250 milioni di euro.

Tecnologia abilitante e propedeutica

Tra i progetti in corso, spiega Simonini, spicca Smart road Anas, «tecnologia abilitante per lo sviluppo della smart mobility e propedeutica ai futuri scenari di guida autonoma dei veicoli» che ricorrerà a strumenti come «IoT (Internet of Things), AI (Artificial Intelligence), Big Data e sensoristica avanzata» per rendere più efficienti i flussi di traffico e migliorare la sicurezza stradale. Queste tecnologie faciliteranno inoltre la «gestione e il controllo dello stato delle diverse componenti dell’infrastruttura stradale», efficientando la manutenzione e segnalando in anticipo condizioni di potenziale pericolo. Il tutto in un contesto che, secondo P&S Intelligence, entro il 2030 potrebbe veder circolare in Europa più di 4 milioni di veicoli a guida autonoma.

Digital event, 24 giugno
Forum PA > Innovazione sostenibile nei territori: il ruolo della responsive city per la ripresa
IoT
Smart city

Coinvolti gli assi strategici del Paese

Ad essere implicati sono «alcuni dei più importanti assi strategici del Paese: l’itinerario E45-E55 ‘Orte-Mestre’, in Veneto la statale 51 “di Alemagna”, in Sicilia la Tangenziale di Catania e la A19 ‘Autostrada Palermo-Catania’, nel Lazio le autostrade A90 ‘Grande Raccordo Anulare di Roma’, A91 ‘Autostrada Roma-Aeroporto di Fiumicino’ e la A2 ‘Autostrada del Mediterraneo’».

La sostenibilità, aggiunge infine l’amministratore delegato, sarà fondamentale nel progetto, che includerà anche la creazione di «Green Island», ovvero aree funzionali ad «alimentare tutti gli apparati della stessa Smart road tramite generazione di energia sostenibile» e in cui «saranno installati sistemi di ricarica veicoli e sistemi di ricarica di droni per il monitoraggio e le ispezioni di opere civili e della strada».

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4