Trasporti innovativi e traffico zero, la sfida delle smart city passa da qui - CorCom

SCENARI

Trasporti innovativi e traffico zero, la sfida delle smart city passa da qui

Secondo Juniper Research, entro il 2021, la gestione della mobilità urbana e le iniziative sul parcheggio intelligente faranno risparmiare ben 4,2 miliardi di ore-uomo all’anno

04 Lug 2016

Giampiero Rossi

Da parecchio tempo, ormai, leggiamo di come il concetto di Smart City dovrebbe cambiare il nostro modo di vivere in città e nel mondo molti sono i progetti che rendono possibile una visione futura di come le nostre città cambieranno, rendendo, si spera, più comodo vivere nelle grandi metropoli.

Sicuramente a livello europeo l’interesse è alto, dimostrato anche dal bando Work Programme 2016-2017 “Cross-cutting activities”, del valore di 370 milioni di euro aperto dalla Commissione europea per sviluppare nuove soluzioni e prodotti dell’Internet of Things ed in chiave Smart and Sustainable Cities.

Investire nelle Smart Cities e nel nostro futuro sarà molto importante, basta leggere un report della Juniper Research, in cui si evince che la gestione del traffico intelligente e le iniziative sul parcheggio intelligente, faranno risparmiare ben 4,2 miliardi di ore-uomo all’anno entro il 2021.

Lo studio ha rilevato che il concetto di Smart City, sebbene relativamente giovane, sia ormai un fenomeno globale. Molte città stanno cominciando a capire la necessità di migliorare in termini di competitività e qualità della vita. La crescita delle popolazioni urbane spingerà la creazione di nuove risorse nelle città, guidando l’esigenza di soluzioni innovative ed efficienti.

E’ stato anche rilevato che le misure per facilitare il traffico saranno fondamentali per le città intelligenti. La chiave di queste considerazioni sarà la creazione di una rete di trasporto pubblico sostenibile per sostituire l’uso dei veicoli privati. Di primaria importanza saranno anche altre misure, come i due milioni di posti auto intelligenti che verranno installati a livello globale entro il 2021 e che serviranno a migliorare il flusso del traffico privato e commerciale.

Inoltre, la ricerca ha scoperto che il mercato dell’illuminazione stradale intelligente, che consiste in unità LED e sensori micro-controllati, dovrebbe salire nel corso dei prossimi cinque anni, con oltre la metà degli apparecchi a LED collegati in rete a livello globale.

Il potenziale per l’illuminazione intelligente stradale non si limiterà solo a ridurre la bolletta energetica della città, in quanto i sensori addizionali installati sugli apparecchi a LED consentiranno nuovi servizi per la generazione di ricavi, come la Wi-Fi pubblica e anche al dettaglio oppure opportunità di marketing. I fattori combinati come l’abbassamento dei costi dei LED e l’emergere di nuovi standard per dispositivi LED, quali il C136.41 del NEMA, dovrebbero contribuire a guidare e facilitare il mercato nei prossimi anni.

Quindi, anche se allo stato attuale questi benefici non vengono ancora percepiti, un domani, se sfruttati e portati a termine, non solo miglioreranno in modo consistente la nostra vita, ma creeranno nuove possibilità di business, facendo risparmiare tempo e denaro ai cittadini del futuro.

Argomenti trattati

Approfondimenti

J
juniper
S
smart city