IL REPORT

Smart energy, mercato a +10%. Enel eccellenza mondiale con 18,6 miliardi di investimenti

Il giro d’affari globale raddoppierà entro il 2032 sfiorando i 395 miliardi. Si fanno strada le tecnologie innovative a partire dall’intelligenza artificiale e aumenta la domanda per l’adozione di sistemi IoT per il monitoraggio in tempo reale

Pubblicato il 08 Feb 2024

Domenico Aliperto

Nel 2022 il mercato globale delle soluzioni smart energy è stato pari a 146,2 miliardi di dollari, e si prevede che toccherà quota 395 miliardi entro il 2032, più che raddoppiando e registrando una crescita media annua del 10%.

A dirlo è un report realizzato da Precedence Research, che analizza le dinamiche e i trend mondiali di un comparto che si regge sull’integrazione di tecnologie di ultima generazione (come apprendimento automatico, intelligenza artificiale e big data analytics applicati all’Internet of Things) con componenti hardware e software (infrastrutture di rete, strumentazione e software di gestione dei network) estremamente avanzati.

I driver di crescita del mercato

L’implementazione delle soluzioni smart energy è ormai ampiamente diffusa e svolge un ruolo importante in quasi tutti i settori, dove vengono utilizzate per applicazioni industriali, residenziali e commerciali. Secondo il report, la crescita del mercato globale dell’energia intelligente è guidata da diversi fattori, tra cui l’aumento degli investimenti nelle fonti di energia rinnovabili, le normative favorevoli alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica, l’ampia adozione di tecnologie innovative, l’aumento della domanda di soluzioni energetiche affidabili e il crescente utilizzo dell’IoT nel settore energetico.

WHITEPAPER
Contact Center performante grazie all'AI: Istruzioni pratiche, tool e servizi in una guida dedicata
Natural Language Processing (NLP)
Image recognition

Inoltre, si prevede che il mercato vedrà una continua innovazione ed evoluzione a causa della rapida urbanizzazione, dell’accelerazione dell’industrializzazione, della crescente domanda di fonti di energia avanzate da parte dei settori commerciali e industriali e della crescente consapevolezza dei vantaggi delle soluzioni integrate nell’intelligenza artificiale.

Anche la crescente diffusione di fornitori di tecnologie 5G dovrebbe alimentare l’espansione del segmento nei prossimi anni. Il comparto delle telecomunicazioni richiede infatti soluzioni energetiche intelligenti per operare in modo efficiente. Grazie all’alta velocità e alla latenza ridotta, la connettività del 5G migliora la capacità dei dispositivi e fornisce un’infrastruttura sofisticata per lo sviluppo di soluzioni energetiche.

D’altra parte, l’elevato costo iniziale associato all’adozione e all’installazione di queste soluzioni, unito alla loro complessità, potrebbe, secondo lo studio, ostacolare la crescita del mercato dello smart energy.

Gli investimenti degli operatori: l’eccellenza Enel

Il fenomeno riguarda da vicino anche l’Italia: lo studio cita Enel, che lo scorso autunno ha annunciato piani di investimento di 18,6 miliardi di euro per revisionare la sua infrastruttura di rete entro il 2027. Nello stesso periodo CtrlS Datacenters, gruppo indiano con sede a Hyderabad, ha annunciato l’intenzione di investire 2 miliardi di dollari in sei anni, concentrandosi sulle nuove tecnologie.

Già a maggio 2022, invece, Itron aveva annunciato l’ampliamento della collaborazione a lungo termine con Microsoft per accelerare l’adozione del cloud e la prossima generazione di soluzioni edge per i consumatori e le reti elettriche per i settori delle utility e delle città intelligenti.

Nell’agosto 2023, Abb ha varato il suo piano di investimenti in una partnership strategica con Pratexo, una società di piattaforme di accelerazione edge-to-cloud, per co-sviluppare soluzioni di edge computing per reti elettriche decentralizzate.

A ottobre, Larsen & Toubro ha firmato un memorandum d’intesa con l’Iit di Indore per esplorare e lavorare su attività attraverso il quadro di riferimento in vari ambiti di impegno.

Il mese scorso, infine, la Tennessee Tech University ha avviato un progetto triennale in tutta l’Appalachia per sviluppare servizi di modellazione e test delle reti intelligenti. L’obiettivo del progetto da oltre 20 milioni di dollari, sostenuto con 10 milioni di dollari dalla Appalachian Regional Commission, è quello di sviluppare e implementare servizi per le utility, le startup del settore energetico e altri soggetti per modellare e testare gli scenari delle smart grid prima dell’implementazione.

Una panoramica regionale

Il Nord America guida il mercato globale dello smart energy grazie alla rapida modernizzazione e alle politiche a supporto dello sviluppo sostenibile. La regione è caratterizzata dalla crescente adozione di tecnologie energetiche pulite, dall’attenzione per il progresso delle reti intelligenti e dalle severe normative ambientali per ridurre le emissioni di carbonio. Inoltre, i continui investimenti nello sviluppo delle infrastrutture e l’aumento delle attività di ricerca e sviluppo nelle fonti di energia rinnovabili nella regione sostengono la domanda di soluzioni integrate con l’intelligenza artificiale.

L’Asia-Pacifico si contraddistingue invece per essere il mercato in più rapida crescita. Si prevede che l’espansione della regione continuerà nel periodo di previsione grazie alla crescente domanda di fonti di energia sostenibili, alla presenza di attori chiave del mercato, alla rapida industrializzazione e urbanizzazione, all’ampia adozione di soluzioni energetiche avanzate e agli investimenti nella generazione di fonti di energia pulite.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5