Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PREMIO

Social innovation, le app della solidarietà digitale

A cinque progetti il premio per l’innovazione sociale: dalla piattaforma che incrocia online domanda e offerta di volontariato allo sharing condominiale

14 Nov 2014

A.S.

Un co-sharing condominiale, un progetto per incrociare online domanda e offerta di volontariato, una community per un turismo in 3D, un social network collaborativo per realizzare un a mappa alternativa di Napoli, una app per ridurre traffico e inquinamento. Sono le tre realtà imprenditoriali della social innovation e le due idee da realizzare che si sono aggiudicate il premio dell’Innovazione sociale, assegnato nel corso di Social Innovation Around, la due giorni organizzata da Sisi (Social Innovation Society) a Roma. “Il Premio – spiegano gli organizzatori – vuole dare un riconoscimento alla cultura d’impresa del territorio e del linguaggio artistico quale strumento di evoluzione socio-economica. Una giuria di esperti ha valutato circa 150 progetti e ha premiato i tre migliori progetti già realizzati e le due migliori idee da realizzare”.

“I progetti e le idee che si sono aggiudicati il premio – commenta Simonetta Cavalieri, Presidente di Sis – vengono incontro a esigenze sociali insoddisfatte e captano nuovi bisogni. Si tratta di progetti che possono essere replicati e che possono essere di ispirazione per ulteriori innovazioni sociali”.

Tra i progetti realizzati si sono aggiudicati il riconoscimento “Romaltruista”, che permette a chiunque di fare volontariato, anche saltuariamente, incrociando on line domanda ed offerta: “Le associazioni no profit – spiega l’ideatore, Mauro Cipparone – hanno bisogno di volontari. In Italia solo il 2% della popolazione fa volontariato in modo continuativo. Romaltruista permette di pescare volontari nel restante 98%”. MappiNa invece e la Mappa alternativa di Napoli, una piattaforma di collaborative mapping per realizzare una diversa immagine culturale di Napoli attraverso il contributo critico ed operativo dei suoi abitanti. “Con foto, video, audio, testi – sottolinea Ilaria Vitellio, che l’ha ideata – i cittadini realizzeranno una mappatura condivisa delle risorse materiali ed immateriali della città”. Infine TrafficO2 è un’App per smartphone che permette di ridurre traffico e inquinamento suggerendo ai cittadini gli spostamenti maggiormenti sostenibili. “Nel 2013 – afferma Salvatore Di Dio, che ha realizzato il progetto – abbiamo cominciato la sperimentazione coinvolgendo 60.000 studenti dell’università di Palermo”.

Le due idee da realizzare che hanno vinto il premio sono ViCity, la community turistica che unisce l’anima dei social network con un nuovo concetto di marketing territoriale innovativo basato su ricostruzioni 3D, e CondoVision, una piattaforma web che permette a persone che abitano nello stesso condominio o nello stesso agglomerato residenziale di condividere risorse, oggetti, capacità, spostamenti, servizi.

Argomenti trattati

Approfondimenti

S
Simonetta Cavalieri
S
social innovation

Articolo 1 di 5