Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'OPERAZIONE

Softbank si prende il 17,5% di Uber. A prezzo “stracciato”

Accordo fatto per 9 miliardi di dollari. La valutazione della taxi company scesa del 30% in un anno. Si punta all’Ipo nel 2019

29 Dic 2017

Mila Fiordalisi

Direttore

È riuscita a portarsi a casa il 17,5% di Uber, con un maxi-sconto, la cordata guidata dalla giapponese Softbank. L’operazione vale circa 9 miliardi di dollari e sarà completata entro il mese di gennaio.

Stando all’importo dell’operazione il valore della taxi company è notevolmente sceso rispetto a giugno 2016 quando era a quota 70 miliardi di dollari. Le stime attuali si aggirano attorno ai 48 miliardi.

Il “risparmio” per Softbank – che già aveva acquisito dalla stessa Uber la costola cinese Didi – sarebbe dunque stato consistente, di circa il 30%.

In dettaglio Softbank sborserà 7,7 miliardi per il 15% di capitale azionario attraverso un’operazione di acquisto di azioni nuove ed esistenti. I giapponesi avranno diritto alla nomina di due direttore nel board della taxi company. Gli altri membri del consirzio – che include Dragoneer, Tencent, TPG e Sequoia – investiranno circa 1 miliardo di dollari pari al 2,5% del capitale.

Il valore della società è stato fortemente ridimensionato a causa degli eventi degli ultimi mesi a partire dalla forzata uscita di scena del fondatore e ceo Travis Kalanick. Per non parlare delle numerose cause legali a carico dell’azienda e degli attacchi informatici che hanno “minato” la sicurezza dei dati. Capitanata da Dara Khosrowshahi Uber punta a una Ipo nel 2019 e l’entrata in scena di Softbank rappresenta un’occasione importante per ridare slancio all’azienda e finanziare i piani di espansione. L’azienda dovrà affrontare anche la crescente concorrenza, in particolare da parte di Lyft, ma anche di “emergenti” come Ola e Grab.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

S
softbank
U
Uber

Articolo 1 di 3