Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA VERTENZA

Spazio, Potetti (Fiom): “Governo ridiscuta le alleanze con i francesi”

Il responsabile dei metalmeccanici Cgil per il settore: “Grazie alla mobilitazione una delegazione di lavoratori ha incontrato il viceministro De Vincenti. Risolvere il mancato finanziamento del progetto Cosmo e la chiusura di alcune sedi Telespazio”

01 Dic 2014

A.S.

“Oggi, grazie alle iniziative di mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori del settore spazio delle aziende Thales Alenia Spazio, Telespazio ed E-Geos, una delegazione di lavoratori e rappresentanti sindacali ha incontrato il viceministro allo Sviluppo economico, Claudio De Vincenti”. A darne notizia in un comunicato è Fabrizio Potetti, responsabile Fiom-Cgil per il settore spazio. “Al viceministro – afferma Potetti – sono state rappresentate le problematiche in atto, come il mancato finanziamento del progetto Cosmo, progetto strategico per l’osservazione dallo spazio e, quindi, importante sia in materia di sicurezza ambientale che di sicurezza nazionale e la chiusura di alcune sedi della Telespazio”.

“Inoltre – prosegue Potetti – abbiamo detto al Governo che, oltre al finanziamento necessario all’interno della legge di stabilità, sarebbe importante che il Governo ridiscutesse del peso del nostro paese nell’alleanza con i francesi e programmasse fondi sufficienti e con una durata coerente con i programmi spaziali”.

“Il viceministro ha dichiarato che per il Governo quello dello spazio è considerato un settore strategico e che, pur nelle difficoltà di bilancio, è ritenuto utile il finanziamento dello stesso, anche in prospettiva di una rivisitazione attraverso Finmeccanica dell’alleanza con i francesi – conclude Potetti – Come Fiom esprimiamo soddisfazione per quanto dichiarato dal Governo, e ci impegniamo a monitorare costantemente la coerenza tra le dichiarazioni e i fatti, convinti che questa sia una discussione strategica non soltanto per le lavoratrici e i lavoratori coinvolti ma per l’intero paese”.

Articolo 1 di 5