Sport & Fintech: nasce Tifo, l’app dedicata al mondo dello sport - CorCom

L’INIZIATIVA

Sport & Fintech: nasce Tifo, l’app dedicata al mondo dello sport

Una piattaforma “all-in-one” per gli sportivi, che consente di scambiare informazioni con club e federazioni, ma anche di pagare le quote associative. Il lancio è previsto per il 2020

05 Dic 2019

A. S.

Una piattaforma “all-in-one” dedicata al mondo dello sport, che si rivolge ai singoli, alle associazioni, ai club e alle federazioni. Tra i principali vantaggi dell’applicazione c’è il fatto che gli sportivi potranno ricevere convocazioni dai propri allenatori e inviti a eventi del club, pagare online le quote per l’attività sportiva. “Tifo sarà utilissima anche per le Federazioni sportive e gli Enti di Promozione – si legge in una nota degli organizzatori – perché avranno a disposizione uno strumento capace di raggiungere milioni di sportivi, profilati in base all’età, sesso, sport praticato e appartenenza geografica, con un click”.

Una delle innovazioni più importanti della piattaforma è quella che riguarda i pagamenti: al momento dell’iscrizione ogni utente sarà automaticamente proprietario, gratuitamente, di un wallet, con un proprio Iban italiano e una carta di pagamento collegata, consentendo agli utenti di inviare denaro e pagare direttamente dal proprio smartphone.

La piattaforma srà effettivamente disponibile dall’inizio del 2020, con la partenza del beta test, mentre ad aprile 2020 sarà effettivamente possibile sacricare l’app per iOs e Android.

All’interno di Tifo ogni utente può creare dei propri gruppi di familiari, amici, colleghi o compagni di scuola e di squadra, per interagire rapidamente, creare eventi, condividere informazioni, foto, video e documenti e scambiare denaro gratuitamente. Tra le altre possibilità c’è anche quella di creare personali campagne di raccolta fondi in modalità crowdfunding “con commissioni – si legge in una nota – molto più contenute rispetto a quelle di mercato”.

WEBINAR
La ricetta Blue Ocean dello chef stellato Davide Oldani per differenziarsi dai competitor
CIO
Digital Transformation

Tifo si propone di semplificare l’organizzazione delle attività connesse al mondo dello sport e si fa promotrice di una società ‘fair play’ fondata su eticità e responsabilità sociale, sempre più orientata ai pagamenti digitali – afferma Sébastien di Mauro, fondatore e ceo di Tifo – Abbiamo deciso di scendere in campo e uscire allo scoperto prima del rilascio della piattaforma previsto per il 2020, per dare maggiore risonanza alla piattaforma e sensibilizzare associazioni sportive, enti, istituzioni, soggetti pubblici e privati a sperimentare questa soluzione di pagamento digitale innovativa, che opera e garantisce i principi di massima trasparenza, rapidità e tracciabilità delle transazioni”.

Tre gli accordi finora formalizzati dalla piattaforma: con Asi (Associazioni Sportive Sociali Italiane), Msp (Movimento Sportivo Popolare) e Unione Sportiva Acli, che insieme rappresentano il 20% degli sportivi iscritti a un Ente di Promozione Sportiva. A gennaio partirà il beta-test per verificare sul campo le funzionalità e valutare la user experience con la polisportiva SanPaolo Ostiense di Roma, che conta più di 1.000 iscritti, 80% dei quali minorenni, e che ospita 7 sport.

Tra i partner che sostengono il progetto, la francese Treezor, società Fintech del gruppo Société Generale e istituto di pagamento autorizzata dall’Acpr.

@RIPRODUZIONE RISERVATA