Stampanti HP, consumatori sul piede di guerra: class action in vista - CorCom

IL CASO

Stampanti HP, consumatori sul piede di guerra: class action in vista

Eurconsumers chiede un risarcimento fino a 150 euro per ogni utente che non ha potuto utilizzare cartucce di terze parti. L’associazione: “Pronti ad un’azione collettiva se le nostre richieste rimanessero senza risposta”. L’azienda: “Impegnati costantemente a migliorare le nostre pratiche commerciali e valutare nuovi modi di offrire ai clienti possibilità di scelta”

03 Mag 2021

F. Me.

HP nel mirino dei consumatori. Euroconsumers chiede a Hewlett Packard (HP) di risarcire i danni ai consumatori in Italia, Belgio, Spagna, Portogallo e Brasile per l’incompatibilità delle loro stampanti con cartucce prodotte da terze parti. I consumatori chiedono inoltre all’azienda di sospendere immediatamente questa pratica “fuorviante, dannosa e anticoncorrenziale” e un risarcimento tra i 100 e i 150 euro a ogni utente “ vittima” di questa condotta.

Se HP non dovesse rispondere in maniera soddisfacente alle richieste, Eurconsumers si è detta disponibile “a intraprendere un class action per ottenere un risarcimento adeguato per i consumatori”.

L’organizzazione spiega che, dal 2016, HP aveva pubblicizzato le sue stampanti come compatibili con cartucce di terze parti, ma “in pratica non lo erano”.

“HP promuove da anni la compatibilità delle sue stampanti con altre cartucce – spiega una nota dei consumatori – Ma dopo un aggiornamento del firmware gli utenti hanno ricevuto un messaggio di errore durante l’installazione, che li ha costretti a cambiare le cartucce con quelle più costose o addirittura a cambiare stampante. Si tratta di una pratica anticoncorrenziale e ingannevole, che deve cessare e per la quale deve risarcire le persone colpite”.

“Questa pratica HP legata all’obsolescenza programmata non è solo illegale, è anche irresponsabile – evidenzia Els Bruggeman, Head of Policy and Enforcement at Euroconsumers – Causa un danno finanziario ai consumatori e aumenta intenzionalmente il volume dei rifiuti quando dovremmo impegnarci per ridurlo. Inoltre, è del tutto inaccettabile che HP assuma il controllo dei dispositivi dei consumatori a proprio vantaggio, leggendo le informazioni sulla stampante e inviando aggiornamenti senza che gli utenti lo sappiano. Utenti dovrebbero avere il pieno controllo dei propri dispositivi “.

Marco Scialdone, Head Litigation in Euroconsumers ricorda che “reclami simili sono stati recentemente risolti negli Stati Uniti, accettando di risarcire ogni utente con un importo compreso tra 100 e 150 dollari”

“Sempre il 17 novembre dello scorso anno, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato italiane – spiega Scialdone – ha concluso che HP era responsabile degli stessi addebiti e ha ricevuto una sanzione di 10 milioni di euro. La legge italiana che ha consentito tale decisione deriva da una direttiva europea, il che significa che simili addebiti possono essere rivendicati in altri paesi d’Europa”.

La replica dell’azienda

“HP prende atto dei temi sollevati dai consumatori per il tramite di Euroconsumers – commenta l’azienda – HP ha lobiettivo di fornire ai clienti e ai partner prodotti e servizi di alta qualità nel rispetto delle leggi locali. Cogliamo questa come unopportunità di confronto, dato che HP è costantemente impegnata a migliorare le proprie pratiche commerciali e a valutare nuovi modi di offrire ai clienti possibilità di scelta, flessibilità e trasparenza.”

EVENTO
[Evento, 10.06] Sai misurare il ROI delle tue strategie marketing? Partecipa DemandGeneretaionLAB

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

M
marco scialdone

Aziende

A
Agcm
E
eurconsumers
H
hp

Approfondimenti

S
stampanti

Articolo 1 di 5