IL PIANO

Stellantis si dà al venture capital: sul piatto 300 milioni per le startup dell’automotive

Via a Stellantis Ventures che punta a supportare le aziende impegnate nello sviluppo di tecnologie innovative. Il Cto Ned Curic: “Ci stiamo trasformando per reimmaginare il futuro della mobilità”

17 Mar 2022

Domenico Aliperto

Stellantis lancia il suo primo fondo di venture capital, denominato per l’appunto Stellantis Ventures. La struttura, si legge in una nota, investirà inizialmente 300 milioni di euro in startup, in fase iniziale e avanzata, che sviluppino tecnologie innovative e incentrate sul cliente, da inserire nel settore della smart mobility.

L’obiettivo del fondo

Stellantis Ventures agirà dunque come un investitore strategico e aiuterà le startup a integrare le nuove tecnologie all’interno della società, con l’ambizione di accelerarne i tempi di roll out, passando da anni a mesi. Gli investimenti non solo avranno un impatto sugli sforzi di Stellantis in materia di sostenibilità, competitività e tecnologia di bordo, ma trasformeranno anche le esperienze dei clienti in termini di marketing, vendita e finanza dei veicoli.

WHITEPAPER
Efficienza produttiva: cosa non sta funzionando e di cosa c’è bisogno?
Acquisti/Procurement
Automotive

Annunciata come parte del piano strategico Dare Forward 2030 della società, Stellantis Ventures si impegna a sostenere gli aspiranti imprenditori e a promuovere l’innovazione incentrata sulla soddisfazione dei clienti, sulla sostenibilità e sullo sviluppo di un portafoglio completo di tecnologie dedicate alla mobilità.

Il nuovo ruolo Stellantis in un mercato in piena evoluzione

“Ci stiamo muovendo rapidamente nella nostra trasformazione in un’azienda di tecnologia dedicata alla mobilità, reimmaginandone il futuro per le generazioni a venire”, spiega Ned Curic, Chief Technology Officer di Stellantis. “Il mercato sta cambiando, le tecnologie stanno cambiando e il modo in cui ci relazioniamo con i nostri clienti sta cambiando. Stellantis Ventures accelererà la nostra trasformazione mentre adottiamo nuove tecnologie sviluppate da startup innovative, promuovendo al contempo il loro potenziale di crescita”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2