STATE OF SCIENCE INDEX

Stem, per l’81% degli italiani troppi ostacoli all’accesso

L’indagine annuale di 3M rileva una notevole sensibilità al tema gender gap: l’87% ritiene fondamentale garantire l’inclusione nei campi della scienza e della tecnologia e l’84% pensa che le aziende potrebbero avere un impatto positivo sulla società se ci fosse una maggiore diversità nei luoghi di lavoro

14 Ott 2022

Federica Meta

Giornalista

donne_stem

La stragrande maggioranza degli italiani (87%) ritiene di fondamentale importanza promuovere la diversità e l’inclusione nei campi della scienza, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica (Stem): è quanto emerso dalla quinta edizione dello State of Science Index (Sosi), l’indagine annuale realizzata da 3M che analizza la percezione della scienza a livello mondiale.

Tuttavia, l’81% concorda sull’esistenza di barriere che impediscono agli studenti di accedere a una solida istruzione Stem.

Barriere all’accesso

L’urgenza di competenze Stem è innegabile: i dati Eurostat indicano che in tutta Europa solo 2 milioni di laureati in discipline Stem abbandonano l’istruzione terziaria ogni anno,  il che significa 17,4 laureati Stem ogni 1.000 giovani (di età compresa tra 20 e 29 anni).

WHITEPAPER
Smart working: perché conviene avere i device giusti
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

L’accesso e le disponibilità economiche vengono citate come i principali ostacoli ad intraprendere un percorso Stem. L’80% degli europei ritiene che tra le cause ci siano un numero insufficiente di educatori/insegnanti Stem o di classi dedicate nelle scuole (52% in Italia), nonché la mancanza di accesso a Internet (19% in Italia).

Il 42% degli europei ritiene di non potersi permettere un’istruzione Stem di qualità: un dato che per gli italiani sale al 50%. Inoltre, il 25% cita come ostacolo principale le responsabilità personali, come la necessità di guadagnare per provvedere alla famiglia.

 È evidente che tra gli italiani propenda la percezione che l’istruzione Stem comporti delle notevoli barriere economiche.

“Affrontare il problema del divario tra istruzione e occupazione è un pilastro fondamentale dell’impegno di 3M a favore delle Stem. Crediamo infatti che il settore privato possa avere un ruolo importante nell’ampliare a tutti l’accesso a queste opportunità – spiega Patrizia Capogreco, Technical Supervisor e Advocate for Diversity in STEM, 3M – Questo è il fattore trainante dell’impegno di 3M nell’accrescere il livello di conoscenza delle Stem tra gli studenti delle scuole primarie e secondarie attraverso programmi sponsorizzati come Inspiring Girls o Science at Home. L’intento è quello di valorizzare le discipline Stem per costruire nuove opportunità di carriera e rispondere alla necessità di una forza lavoro adeguatamente formata per queste discipline”. 

Ampliare il bacino d’utenza

 Data la chiara percezione degli ostacoli finanziari che impediscono l’accesso alle carriere Stem, il settore non può permettersi di trascurare la necessità di una maggiore diversità. Infatti, la maggioranza degli italiani (84%) ritiene che le aziende del settore scientifico potrebbero avere un impatto positivo sulla società se ci fosse una maggiore diversità all’interno della forza lavoro. Nello specifico, l’80% degli italiani concorda sul fatto che le donne rappresentino un potenziale inespresso nella forza lavoro Stem.

Tuttavia, il 68% afferma che le donne tendono ad abbandonare le carriere Stem per la mancanza di un adeguato supporto, evidenziando un ampio margine di miglioramento.

 Più in generale, in Italia solo il 20% dei lavoratori ha preso in considerazione una carriera in ambito Stem, molto al di sotto della media globale del 37%. Ciò evidenzia la lunga strada da fare per attrarre nuovi talenti nelle carriere Stem affinché l’Europa possa superare la carenza di competenze nel settore.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

3
3M

Approfondimenti

C
competenze digitali
G
gender gap
S
skill gap
S
Stem

Articolo 1 di 4