IL PROGETTO

Supercomputer, Atos lancia l’ibrido exascale: riflettori sulla sovranità tecnologica

La piattaforma di calcolo BullSequana XH300 fornirà ad aziende ed enti pubblici gli strumenti per esercitare un maggiore controllo sui dati che producono e che scambiano

16 Feb 2022

F. Me.

Shot of Corridor in Working Data Center Full of Rack Servers and Supercomputers with Blue Neon Visualization Projection of Data Transmission Through High Speed Internet.
Shot of Corridor in Working Data Center Full of Rack Servers and Supercomputers with Blue Neon Visualization Projection of Data Transmission Through High Speed Internet.

Atos lancia il suo supercomputer. Di classe exascale, il BullSequana XH3000 è una piattaforma di calcolo ibrida che permetterà a scienziati e ricercatori in tutto il mondo di far progredire la ricerca in settori quali la meteorologia e i cambiamenti climatici, a vantaggio della scoperta di nuovi farmaci o per la genomica.

Progettato e prodotto in Europa, nella fabbrica di Angers di Atos, in Francia, il supercomputer è il più efficiente e potente sviluppato dal Gruppo e un elemento chiave per le sfide attuali della sovranità digitale ed economica continentale. Come leader europeo nel supercalcolo, Atos gioca infatti un ruolo chiave nelle questioni della sovranità tecnologica, assicurando che le principali conoscenze e competenze dell’High Performance Computing siano promosse e mantenute in Europa.

Con BullSequana XH3000 Atos si impegna a fornire ai propri clienti gli strumenti per esercitare un maggiore controllo sui dati che producono e che scambiano.

Allargare i confini dell’eccellenza tecnica

Le prestazioni exascale con l’Accelerated Hybrid Computing – l’aumento nella quantità e complessità dei dati a nostra disposizione implica una richiesta esponenziale di potenza di calcolo, necessaria anche per le sfide che l’umanità si trova oggi ad affrontare, come il riscaldamento globale e la pandemia da Covid-19. BullSequana XH3000 sarà in grado di fornire una potenza di calcolo inedita – fino a 6 volte superiore a quella messa in campo dalle versioni precedenti – e su qualsiasi scala, compreso il sistema di classe exascale, utilizzando tecniche avanzate di Hybrid Computing, combinando unità di elaborazione centrali (CPU) e di elaborazione grafica (GPU) con l’intelligenza artificiale e il calcolo quantistico in attività di simulazione scientifica tradizionale.

WHITEPAPER
Il gestionale costruito sul tuo business: ecco come integrarlo!
Amministrazione/Finanza/Controllo
Dematerializzazione

Le caratteristiche tecnologiche

BullSequana XH3000 integra le tecnologie, le reti e l’interconnessione più recenti e di più ampia portata. È alimentato dalle più innovative architetture di processori e acceleratori di Central Processing Unit e Graphic Processing Unit di Amd, Intel, Nvidia e dal microprocessore europeo di SiPearl, per una migliore capacità di potenza e prestazioni potenziate, per fornire simulazioni scientifiche su scala maggiore, più veloci e più efficienti. La sua architettura OpenSequana lo rende pienamente compatibile con qualsiasi misura di calcolo e con le tecnologie di interconnessione future, così che gli utenti possano facilmente aumentarne la capacità come e quando necessario. Con un approccio security-by-design, che integra il monitoraggio delle vulnerabilità e l’anticipazione delle minacce, BullSequana XH3000 assicura che i dati siano sempre protetti in modo efficace.

Hpc più green

Armonizzando le prestazioni e il consumo di energia – il BullSequana XH3000 è sul mercato uno dei supercomputer più efficienti dal punto di vista energetico grazie al suo eco-design, alla sua architettura, alla soluzione brevettata Direct Liquid Cooling (DLC) – che fornisce oltre il 50% in più di potenza di raffreddamento rispetto alle generazioni precedenti – e al ciclo di vita del prodotto  completamente eco-compatibile: dall’approvvigionamento delle materie prime alla produzione, dal test al trasporto, fino alle fasi di smaltimento e riciclo.

“Il supercalcolo gioca un ruolo fondamentale nel guidare le innovazioni di business, la società e l’economia globale nel suo complesso ed è il fattore chiave per la sovranità scientifica ed economica nel XXI secolo”, ha dichiarato Rodolphe Belmer, CEO di Atos. “Siamo estremamente orgogliosi del nostro ruolo di leader nell’HPC e del nuovo progetto BullSequana, presentato oggi, prodotto che è il risultato di 15 anni di sforzi di Ricerca e Sviluppo e che riunisce le comprovate competenze ed esperienza di Atos nel calcolo ad alte prestazioni, intelligenza artificiale, innovazione quantistica, sicurezza e decarbonizzazione digitale. Senza dubbio consentirà, attraverso la portata dell’exascale, alcune delle principali innovazioni scientifiche e industriali del futuro”.

BullSequana XH3000 sarà disponibile a partire dal 4° trimestre del 2022.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

A
atos

Approfondimenti

H
hpc
S
sovranità tecnologica
S
supercomputer