Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

COMMERCIO ONLINE

Supermercato24, ecco la startup che ti fa la spesa e che fa gola ad Amazon

La startup veronese è ormai attiva in 16 province e 300 comuni, esegue circa 500 consegne al giorno e serve oltre 40mila clienti

24 Set 2016

Fabrizio Marino

Ordini la spesa online e ti arriva a casa in un’ora. Supermercato24 è la startup che mette in contatto chi vuole acquistare prodotti online dai supermercati e i “personal shopper”, persone che fanno la spesa per conto del cliente e la consegnano a domicilio. Fondata da Enrico Pandian, Supermercato24 punta alla leadership del mercato italiano del grocery online con una strategia precisa: «Ci consideriamo gli abilitatori della vendita online della grande distribuzione. Noi non vendiamo niente, ma convinciamo i supermercati a farlo tramite la nostra piattaforma» spiega lo stesso Pandian. Strategia che ha convinto due tra i maggiori fondi di venture capital in Italia, Innogest Sgr e 360 Capital Partner, a investire 3 milioni di euro sulla società.

L’idea nasce nel 2014. «All’epoca viaggiavo molto tra Verona e Londra – racconta Pandian – e non avevo tempo per andare al supermercato. Preferivo ordinare la spesa da casa, la consegna però avveniva quasi sempre il giorno successivo alla mia ordinazione, quando mi trovavo già in un’altra città. Decisi allora di provare a creare un modello con consegna della spesa a domicilio in giornata. Iniziai da un’analisi del mercato italiano, per il resto bastava replicare una realtà già esistente e di successo negli Stati Uniti: Instacart, startup che oggi ha una valutazione di oltre due miliardi di euro». L’esordio è di quelli che non ti aspetti: «pensavamo a un target per lo più formato da ragazzi – continua Pandian – invece i primi clienti sono state nonne giovani e impiegati, a dimostrazione del fatto che andavamo a coprire un bisogno di tutti». La vera svolta arriva a gennaio 2015, con la vittoria del contest 360by360, realizzato dal fondo di venture 360 Capital Parnters, che mette in palio 360mila dollari di finanziamento per la startup vincitrice.

«Non è stato utile solo per i soldi, mi ha aperto a un mondo, quello degli investitori, che fino ad allora non conoscevo. È lì che è cambiato tutto». Sempre nel 2015 arriva anche finanziamento di circa 1,5 milioni da diversi business angel.

Utilizzare il servizio di Supermercato24 è piuttosto semplice, basta inserire il proprio codice di avviamento postale sul sito. A quel punto il portale elenca i supermercati convenzionati più vicini. Una volta selezionati i prodotti e inviato l’ordine, un fattorino che lavora con Supermercato24 fa la spesa al posto del cliente e la consegna entro un’ora.

Digital360 awards
Presenta il tuo progetto digitale ad una platea di CIO delle più importanti aziende
Digital Transformation
Open Innovation

Il modello di business si basa su tre fattori: costo di consegna della spesa (4,90€ che può variare di poco a seconda della vicinanza del supermercato), accordi con le grandi marche e sovrapprezzo sul prodotto acquistato (che però, assicura Pandian, a partire da settembre 2016 dovrebbe azzerarsi, equiparando il costo dei prodotti acquistati su Supermercato24 a quello presente sullo scaffale del supermercato in questione). La dimensione del mercato del grocery in Italia vale circa 180 miliardi, ma è attivo per lo più offline, con una incidenza potenziale legata all’e-commerce dell’1%. Una fetta da oltre un miliardo e mezzo di euro, che potrebbe far gola a tanti.

A cominciare da Amazon, che per potenzialità di investimento e forza della struttura logistica, non avrebbe nessuna difficoltà a spuntarla sulla concorrenza. «Ritengo Amazon un potenziale concorrente – afferma Pandian – ma non mi fa paura. Il nostro modello è molto diverso: la loro forza, la logistica, rappresenta anche un grande limite che noi non abbiamo: essendo abilitatori della grande distribuzione non necessitiamo di magazzini dove depositare la merce, tutto avviene online». Oggi sono i numeri a testimoniare il consolidamento della startup veronese. Supermercato 24 è attiva in 16 province e 300 comuni, esegue circa 500 consegne al giorno e serve, tramite i suoi “shopper” oltre 40mila clienti, facendo leva su più di 30 insegne. In catalogo ha circa 40mila articoli, il tasso di crescita mese su mese è del 15% (a giugno le consegne hanno toccato quota 300mila) ha attualmente 250mila utenti e prevede di chiudere il 2016 con un fatturato di circa 5 milioni di euro, a fronte dei 750 mila del 2015. A guidare l’azienda ora è Federico Sargenti, che Pandian ha definito “uomo del fare”, un ingegnere elettronico con oltre dieci anni di esperienza in ambito e-commerce e un passato da capo del settore vendite in Amazon. Con lui Supermercato24 punta alla leadership nel mercato del grocery online.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
amazon
S
startup