Tangenti Tlc, Vimpelcom nel mirino degli Usa - CorCom

IL CASO

Tangenti Tlc, Vimpelcom nel mirino degli Usa

Sotto accusa anche TeliaSonera e Mts. Chiesto a Irlanda, Lussemburgo, Belgio, Svezia e Svizzera il sequestro di beni per 1 miliardo. Secondo le autorità d’oltreoceano le compagnie avrebbero inviato alla figlia del presidente dell’Uzbekistan, Gulnara Karimova, milioni di dollari per accaparrarsi maggiori frequenze radio nel Paese

14 Ago 2015

F.Me.

Le autorità statunitensi hanno chiesto a cinque paesi europei di sequestrare beni delle società di telecomunicazioni Vimpelcom, Mts e TeliaSonera per un miliardo di dollari, in un’indagine per un caso di corruzione in Uzbekistan che coinvolge anche la figlia del presidente uzbeko, Gulnara Karimova. Lo riporta il Wall Street Journal, citando fonti e documenti del tribunale.

Nel mese di luglio, Bloomberg aveva riferito che il Ministero della Giustizia aveva ricevuto l’approvazione del tribunale di New York per il congelamento di 300 milioni di dollari in conti in Irlanda, Lussemburgo e Belgio in un’indagine sul mercato delle telecomunicazioni dell’Uzbekistan, con la partecipazione delle russe Vimpelcom e Mts. Il denaro, con tutta probabilità, sarebbe diventato parte di uno schema di corruzione internazionale che coinvolge due società russe e la figlia del presidente dell’Uzbekistan.

Gli Usa hanno chiesto ai “partner europei di congelare beni per circa 1 miliardo di dollari”, scrive il Wsj. Secondo il quotidiano, sono circa 300 milioni nei conti in Irlanda, Lussemburgo e Belgio, 30 milioni in Svezia (all’autorità svedese la richiesta è stata inviata a marzo), e circa 640 milioni in Svizzera, compresa una villa sul lago.

La pubblicazione riporta che i rappresentanti del Dipartimento di Giustizia hanno confermato la richiesta a Irlanda, Belgio e Lussemburgo, ma hanno rifiutato di commentare le richieste alle autorità di Svizzera e Svezia.

“I pubblici ministeri degli Stati Uniti ritengono che la società di base ad Amsterdam Vimpelcom Ltd (controllata dall’operatore russo Beeline e dall’ucraino Kyivstar), la società russa Mts la svedese TeliaSonera hanno inviato milioni di dollari sui conti delle società controllate da Gulnara Karimova, la figlia maggiore del presidente uzbeko Islam Karimov … per garantire la disponibilità di frequenze radio e di altri progetti nel paese”, scrive il giornale, aggiungendo che nel corso delle indagini negli Stati Uniti e in Europa, contro nessuna delle società o individui sono state formulate accuse.

Argomenti trattati

Approfondimenti

M
Mts
T
teliasonera
U
uzbekistan
V
Vimpelcom