Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

OPEN INNOVATION

Tech Up 2018, via al contest che fa matching tra startup e grande industria

La competizione della Fondazione Ricerca & Imprenditorialità è rivolta a professionisti, aziende e Pmi innovative. Ecco come partecipare

17 Dic 2018

F. Me

Rispondere al bisogno di innovazione del sistema Paese, favorendo l’open innovation nella grande industria.  È questo l’ambizioso obiettivo di Tech Up 2018, un’iniziativa di Fondazione Ricerca & Imprenditorialità (FR&I) che si rivolge a startup, spin off ma anche piccole e medie imprese. Per candidarsi c’è tempo fino al 31 gennaio 2019.

“È un’iniziativa mirata a creare integrazione tra le startup e i grandi nomi dell’industria aperti all’open innovation – spiega Giovanni Maria Volpato, direttore operativo della Fondazione – che hanno deciso di scommettere sul tema ampliando i propri sforzi in questa direzione. Contestualmente le startup possono godere di un supporto del nostro team per maturare e imparare il linguaggio della grande azienda”.

Tre i livelli di competizione al centro del programma: una Technology call, una Innovation call e una Topic call.

Nella Technology call sono startup e Pmi proporranno tecnologie e prodotti realizzati e sviluppati (anche in forma prototipale) relativi agli ambiti tecnologici di interesse trasversale definiti dalle grandi imprese che prendono parte al programma.

Nella Innovation call la grande impresa descrive un proprio dominio di mercato: i partecipanti offriranno una soluzione innovativa (progetto, prototipo o prodotto) che inserisca funzionalità valore aggiunto in termini di competitività.

Infine la Topic call dove sono rappresentate esigenze focalizzate, di specifico interesse di singole imprese, rispetto alle quali il proponente presenta un progetto dettagliato che possa trovare applicazione di contesto apportando significatiche migliorie funzionali, di costo o di processo.

FR&I selezionerà le proposte progettuali – valutate da soggetti altamente qualificati con il contributo delle aziende interessate – con il maggiore potenziale di ricaduta industriale.

Per il periodo di accelerazione, ai partecipanti selezionati possono venire offerti servizi ad elevato valore aggiunto erogati in forma gratuita. L’obiettivo è far crescere e maturare i proponenti per consentire loro di arrivare all’incontro con le imprese adeguatamente strutturati. FR&I si avvale di Advisors, figure professionali e con esperienze maturate ai più alti livelli tecnico-aziendali.

Nel percorso del contest verranno organizzati anche incontri mirati, coinvolgendo le funzioni tecniche preposte, per la promozione presso aziende e investitori privati e istituzionali, allo scopo di presentare al meglio il potenziale delle proposte selezionate nel challenge.

In questa logica, Fondazione R&I organizza incontri one-to-one delle realtà innovative con le grandi imprese partecipanti, al fine di promuovere un eventuale integrazione.

Tech Up 2018 viene promosso anche attraverso un road show che toccherà varie tappe in una dozzina di atenei e centri per l’innovazione delle principali città italiane. Durante le tappe i partecipanti e gli stakeholder avranno la possibilità di incontri one-to-one di approfondimento con Fondazione R&I ed alcuni dei suoi partner industriali. Il roadshow è iniziato in questi giorni e andrà avanti fino a fine gennaio.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

O
Open innovation
P
pmi
S
startup

Articolo 1 di 3