Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INNOVAZIONE

Tecnologie 4.0 per i beni culturali: Venezia in pole position

L’Istituto Italiano di Tecnologia, in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari, battezza un nuovo centro del network nazionale per lo sviluppo di soluzioni e materiali nel campo della conservazione del patrimonio artistico

12 Nov 2018

Tecnologie 4.0 per la conservazione dei beni culturali. Fenomeni naturali e l’azione dell’uomo mettono a rischio i beni artistici e culturali, di cui l’Italia è tra i principali detentori. L’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit), inaugura a Venezia: l’hub si aggiunge al network nazionale Iit composto da 11 centri in Italia e due outstation all’estero (Mit e Harvard in Usa). Il Centre for Cultural Heritage Technology sarà dedicato allo sviluppo di nuove tecnologie e materiali nel campo della conservazione dei beni culturali.

Venezia, emblema del patrimonio dell’umanità da proteggere, grazie a questo nuovo centro della rete Iit e alle competenze di Ca’ Foscari, diventa dunque laboratorio per lo studio, la conservazione anche preventiva, e la protezione della ricchezza architettonica,  artistica e archeologica custodita in Italia e nel mondo.

Il Centre for Cultural Heritage Technology di Iit sarà inaugurato lunedì 19 novembre 2018 alle 11.30 presso il parco scientifico e tecnologico Vega. All’evento interverranno il rettore di Ca’ Foscari Michele Bugliesi, il direttore scientifico di Iit Roberto Cingolani e i ricercatori che lavoreranno nei laboratori del nuovo centro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

B
Beni culturali
C
ca' foscari
I
iit

Articolo 1 di 3