Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

GIRO DI POLTRONE

Telecom Italia, Ivan Dompé è il nuovo Press office & opinion makers relations

Milanese, 42 anni, già in Pirelli, Luxottica e Yoox, prende il posto di Carlo De Martino, che diventa Head of Istitutional and External Communication di Telecom Italia Sparkle

19 Nov 2014

L.M.

Ivan Dompé è il nuovo Press office & opinion makers relations di Telecom Italia. Sostituisce Carlo De Martino, nominato Head of Istitutional and External Communication di Telecom Italia Sparkle. Nel suo nuovo ruolo Dompé risponde al presidente Giuseppe Recchi.

Milanese, 42 anni, dopo la laurea alla Bocconi nel 1996 Dompé ha iniziato la carriera professionale in Ketchum. Dopo la parentesi del servizio di leva nell’ufficio stampa dell’esercito, è tornato in Ketchum dove è diventato account director e nel gennaio 2000 è passato a Burson-Marsteller (head of technology practise area). Dopo un anno è stato assunto in Pirelli come corporate media relation manager, ruolo che ha ricoperto fino al luglio 2005 quando è diventato media relations and Internet communication manager in Edison. Dal settembre 2008 al dicembre 2012 è stato direttore comunicazione del gruppo Luxottica che ha lasciato nel 2013 per la direzione comunicazione finanziaria e corporate di Yoox. Negli ultimi sette mesi è stato direttore della comunicazione del gruppo biofarmaceutico AbbVie.

Carlo De Martino, 47 anni, ha una lunga esperienza nelle pubbliche relazioni in Italia e all’estero. Gli ultimi incarichi li ha ricoperti in Vodafone e Telecom Italia. Da gennaio sarà alle dirette dipendenze dell’amministratore delegato di Telecom Italia Sparkle, Elisabetta Ripa. È la società del gruppo guidato da Marco Patuano che si occupa di connettività e servizi internazionali, grazie a una rete di circa 500mila chilometri di cavi sottomarini e uffici commerciali in 40 Paesi, dagli Stati Uniti all’Estremo Oriente.

Articolo 1 di 5