Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

OSSERVATORIO BANDA LARGA

Telecomunicazioni, siamo di nuovo all’anno zero

Nonostante lo sviluppo della banda larga fissa e mobile il valore del mercato dei servizi di Tlc tornerà a fine 2014 su valori sostanzialmente simili a quelli del 1999

20 Ott 2014

Cristoforo Morandini, partner Between

Sono passati tre lustri dalla liberalizzazione del settore delle telecomunicazioni e siamo, di fatto, tornati al punto di partenza. Nonostante lo sviluppo della banda larga, prima fissa e poi mobile, il valore del mercato dei servizi di telecomunicazioni tornerà a fine del 2014 su valori sostanzialmente simili a quelli del 1999.

Il settore ha cominciato a perdere fatturato a partire dal 2007, prima nel fisso (dal 2005) e qualche anno dopo nel mobile (2009). Di fatto, lo sviluppo della banda larga fissa è riuscito a compensare la perdita di valore dei servizi tradizionali (essenzialmente voce) fino al 2005, mentre la crescita, sebbene sostenuta, della banda larga mobile non riesce ancora a compensare il declino delle componenti di servizio più tradizionali.

Confrontando le dinamiche del mercato di rete fissa con quelle del mobile nei tre quinquenni, si osserva come le crescite medio annue siano state, rispettivamente, +3%, -2% e, infine, -5% per il fisso, mentre per il mobile, dopo il primo periodo “eroico” a +15%, siamo passati al +4%, per finire al -4% dell’ultimo periodo.

Se nell’ultima parte degli anni ’90 il fisso rappresentava ancora circa i 2/3 del mercato, il peso del mobile sulla spesa degli utenti finali è cresciuto rapidamente, per diventare prevalente a partire dal 2008 e solo recentemente è tornato a ridursi leggermente. La centralità della componente broadband è ormai consolidata e negli ultimi cinque anni la crescita medio annua è stata sostenuta (+13%), contro il calo dell’8% delle componenti più tradizionali.

Dopo due anni di grave crisi il settore sta cercando una via di uscita che è basata sui nuovi investimenti nelle infrastrutture di nuova generazione. Una sfida per un comparto al continuo inseguimento di se stesso.

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
between
M
morandini
O
osservatorio banda larga

Articolo 1 di 5