Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Telefonica, aumento di capitale da 3 miliardi per comprare Gvt

Il lancio dopo l’ok del Cade all’operazione con Vivendi. Il prezzo di sottoscrizione delle nuove azioni sarà di 10,84 euro

26 Mar 2015

F.Me.

Telefonica ha lanciato un aumento di capitale da tre miliardi per l’acquisto di Global Village Telecom (Gvt) dalla francese Vivendi. “Il prezzo di sottoscrizione delle nuove azioni sarà di 10,84 euro”, dunque inferiore al prezzo di chiusura di mercoledì (13,53 euro). L’annuncio in una nota della compagnia spagnola.

In un avviso inviato ieri sera alla commissione spagnola di vigilanza dei mercati, Telefonica ha precisato che le azioni di nuova emissione saranno offerte ad un prezzo unitario di 10,84 euro. I termini della ricapitalizzazione sono stati fissati da un consiglio di amministrazione riunitosi poche ore dopo la decisione del Cade, l’autorità antitrust brasiliana, di approvare con alcune condizioni l’acquisto di Gvt.

Già lo scorso settembre, in occasione dell’annuncio dell’accordo per l’acquisizione dell’operatore brasiliano dalla francese Vivendi per 7,24 miliardi di euro, la società spagnola aveva rivelato l’intenzione di procedere con un aumento di capitale.

L’acquisizione amplierà la presenza di Telefonica nel mercato brasiliano e rafforzerà la sua leadership nella maggior economia dell’America Latina grazie ad un’offerta di servizi di telefonia a 360 gradi. Telefonica ha concordato di pagare a Vivendi 4,66 miliardi di euro in contanti che saranno raccolti dalla controllata Telefonica Brasil tramite un aumento di capitale separato. La società con sede a Madrid, titolare del 74% della filiale brasiliana, sottoscriverà a sua volta la propria quota con la sua ricapitalizzazione da 3 miliardi. Inoltre Vivendi otterrà anche azioni sia di Telefonica Brasil che di Telecom Italia come ulteriore forma di pagamento.

Il via libera dei Cade, che segue quello dell’autorità per le telecomunicazioni Anatel, rappresentava l’ultima condizione sospensiva per procedere con il perfezionamento dell’intera operazione.


Articolo 1 di 2