Smart home, è il termostato la killer application (per ora)

Berg Insight: l’Europa cresce più del Nord America, anche se è ancora il mercato più piccolo per base installata. Nel 2020 19 milioni di abitazioni avranno il termostato intelligente: più efficienza in vista

31 Mag 2016

Patrizia Licata

Il numero di abitazioni in Europa e Nord America che hanno installato il termostato intelligente è cresciuto dell’81% nel 2015, per un totale di 5,8 milioni di case. Lo rivela una nuova ricerca di Berg Insight.

Il grosso del mercato è ancora concentrato nel Nord America, dove la società di ricerche svedese segnala una crescita del 78% della base installata di termostati intelligenti, pari a 4,5 milioni di case raggiunte a fine 2015. L’Europa sta però recuperando rapidamente, con un balzo del 90% anno su anno: le case con il termostato intelligente hanno toccato quota 1,4 milioni a fine 2015.

Secondo Berg Insight, il numero di abitazioni con il termostato intelligente in Europa e Nord America crescerà a un tasso annuale composito del 54,5% nel corso dei prossimi cinque anni arrivando a 51,1 milioni nel 2020. Il Nord America resterà il mercato più ampio a fine 2020 con 32,2 milioni di case che hanno dei termostati smart, mentre la base installata in Europa dovrebbe raggiungere, prevede la società di ricerca, 18,9 milioni di case.

WHITEPAPER
Trasformazione digitale per PMI: tutto quello che c’è da sapere
Dematerializzazione
Digital Transformation

I termostati intelligenti sono un’opportunità particolarmente interessante sul mercato della smart home, nota Berg Insight, perché questi sistemi sono attraenti tanto per i consumatori quanto per le società dell’energia e i fornitori di servizi di riscaldamento e condizionamento (i cosiddetti Hvac, Heating, Ventilating and Air Conditioning). Per i consumatori si tratta di un’opportunità di risparmio sulla bolletta elettrica, oltre che della possibilità di regolare la temperatura in casa. Per le aziende dell’energia, i termostati smart offrono la possibilità di introdurre programmi di offerta e efficienza basati sulle abitudini e esigenze dei consumatori. Questi programmi permettono significativi risparmi di capitale per le utility perché si riducono i picchi di consumo e di conseguenza si abbatte la necessità di ricorrere alla generazione di emergenza o all’acquisto di energia sul mercato spot. Infine, l’elemento smart nei sistemi di riscaldamento e condizionamento apre nuove opportunità anche per i fornitori di servizi Hvac: la manutenzione predittiva e la diagnostica a distanza permettono di snellire e ottimizzare le attività di riparazione e manutenzione.

I maggiori fornitori di termostati intelligenti in Nord America sono Nest, Honeywell e Ecobee (ognuno ha venduto più di un milione di unità), ma sono in forte crescita provider come Radio Thermostat Company of America e RCS. In Europa, i principali vendor di termostati smart includono le aziende europee eQ-3 e Centrica e le nord-americane Nest e Honeywell. Altre aziende del settore che Berg Insight considera interessanti sul mercato europeo sono Eneco in Olanda e poi Climote, Danfoss, Heatapp, Heat Genius, Netatmo, Ngenic, RWE e Tado.