Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Terza edizione a Roma il 29 marzo 2011

16 Set 2010

Expo Comm Italia ritorna a Roma il 29 marzo 2011 proponendosi come
piattaforma di incontro e confronto per l’intera area del
Mediterraneo. Organizzato da E.J.Krause&Associates, Expo Comm è un
circuito di 8 importanti eventi fieristici internazionali che si
tengono in Europa, Asia e nelle Americhe e che sono dedicati ai
settori Telecomunicazioni, Wireless, Broadband, Media, Internet,
Networking, Information Technology, IT Security.

L'importanza di questa nuova sfida è testimoniata dal supporto
di tre grandi partner quali Confindustria Servizi Innovativi e
Tecnologici, Afcea (Associazione delle Comunicazioni e
dell'Elettronica per le Forze Armate) e Learn To Be Free onlus,
che partecipano all’iniziativa e che saranno presenti anche con
propri eventi istituzionali di alto profilo.

Per garantire l’elevata qualità dei contenuti e della
programmazione di Expo Comm Italia è stato costituito un Comitato
Promotore di alto livello del quale fanno parte, ad oggi, Stefano
Pileri, Presidente di Confindustria Servizi Innovativi e
Tecnologici, Pietro Finocchio Presidente di Afcea, Irene Pivetti
Presidente di Lbtf onlus e dell'Associazione Iptv, e Cesare
Florimonte Amministratore Delegato della Società Kalestenon in
rappresentanza della E.J.Krause.

Il lavoro intrapreso con il sostegno del Ministero dello Sviluppo
Economico e di Ice ha assicurato, durante la precedente edizione di
Expo Comm Italia, la partecipazione dei Paesi Emea (Europa
Medio-Oriente Africa) tra cui Algeria, Cipro, Croazia, Egitto,
Giordania, Grecia, Libano, Libia, Marocco, Portogallo, Spagna,
Tunisia, Turchia. Oggi questa partecipazione verrà replicata e
sostenuta da una vasta campagna promozionale e di comunicazione che
coinvolgerà anche le Ambasciate e che assicurerà una ampia
presenza di buyers internazionali, imprese e investitori
istituzionali in cerca della tecnologia italiana.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link