Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

INVESTIMENTI

Intel accelera sulla self driving car: entro fine anno le prime 100 auto

Di vari marchi e modelli, saranno testate in Usa, Israele ed Europa. Intanto Tesla sfida Daimler sui camion elettrici a guida autonoma: arriveranno a settembre. Per contendersi a colpi di innovazione anche il mercato dell’autotrasporto

10 Ago 2017

A.S.

Sarà pronta entro fine anno la prima flotta di veicoli a guida autonoma con tecnologia Intel. Si tratterà in tutto di cento veicoli da testare negli Stati Uniti, in Israele e in Europa. Le auto, spiega la compagnia, saranno dotate di tecnologia di guida autonoma di livello 4 (il massimo è 5) e in pratica saranno in grado di guidare senza pilota, ma potrebbero richiedere l’intervento umano. “Il nostro obiettivo – dichiara Amnon Shashua, prossimo senior vice president di Intel Corporation e futuro ceo e cto di Mobileye, la società israeliana acquisita a marzo per 15 miliardi di dollari – è quello di sviluppare tecnologia per veicoli autonomi che possa essere applicata ovunque, il che significa che abbiamo bisogno di testare e addestrare le auto in diversi luoghi”. La flotta, precisa Intel, comprenderà automobili di diversi marchi e modelli per dimostrare la natura “neutra” della tecnologia

Passando dal trasporto delle persone a quello delle merci, arriverà presto sul mercato un camion elettrico a guida autonoma, in grado di viaggiare sulla rete stradale “in formazione”, convoglio cioè di più mezzi che seguono quello che procede in testa. E’ il nuovo Tesla Semi, che la casa fondata da Elon Musk vorrebbe iniziare a testare in Nevada. Ad anticipare la notizia è Reuters, citando una mail indirizzata da Tesla al dipartimento dei trasporti d’oltreoceano e un summit che si sarebbe svolto da poco in California per discutere sui camion a guida autonoma”. Il nuovo modello potrebbe essere presentato al pubblico, stando ai rumors, nel mese di settembre.

La novità viene interpretata dagli addetti ai lavori come una sfida che la casa automobilistica fondata da Elon Musk sta per lanciare a Daimler Mercedes, che ha già progetti avanzati nel campo dei camion elettrici, per superarla nel campo dell’innovazione grazie alla tecnologia sulla guida autonoma.

Secondo quanto annunciato da Tesla nei suoi contatti con le autorità locali di Nevada e California, l’obiettivo della casa automobilistica è di utilizzare il “platooning” e il sistema di guida autonoma senza che a bordo dei veicoli ci sia nemmeno una persona.

Sembra così arrivare a una stretta finale un progetto che Musk aveva già annunciato nei mesi scorsi, mostrando anche un primo teaser del Tesla Semi. Un camion che, nelle intenzioni dell’azienda, potrà trasportare carichi pesanti contando su una lunga autonomia.

Quanto a Mercedes, che fa parte del gruppo Daimler, le sperimentazioni per i camion elettrici sono già in fase avanzata. Cinque i “brand” del segmento di mercato dei camion che fanno parte del gruppo: oltre a Mercedes-Benz Trucks ci sono Freightliner Trucks (che rappresenta il 40% dei mezzi pesanti che circolano negli Usa), Mitsubishi Fuso, Western Star e BharatBenz.

Sul mercato dell’elettrico Daimler-Mercedes ha presentato a settembre il suo camion elettrico, eCanter, che a oggi ha sulle spalle più di 60mila chilometri di prove su strada, che nel 2019 potrebbe essere prodotto in serie, mentre per il 2020 è prevista la commercializzazione in Germania dell’Urban eTruck.