Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Tor Vergata, master sul digitale nelle costruzioni

03 Feb 2017

Il dipartimento di ingegneria civile e ingegneria informatica dell’università degli studi di Roma Tor Vergata organizza il Master universitario di secondo livello “Digitalizzazione Bim Based della filiera delle costruzioni”. Il corso prevede 392 ore di lezione frontale per un numero massimo di 25 partecipanti, oltre ad attività seminariale, applicazioni pratiche e tirocini.

I principali argomenti trattati durante le lezioni saranno la rivoluzione digitale, le tecnologie per le informazioni e le comunicazioni, i nuovi ruoli, la gestione dei dati e dei contenuti, gli aspetti legali, gli applicativi e gli strumenti Bim e tecnologie digitali per la progettazione, il rilievo e la gestione.

Il master, che ha la durata di un anno accademico, si rivolge ai laureati in ingegneria e in architettura.

“E’ ormai ineludibile la necessità di orientare la formazione dell’ingegnere verso le attuali e più aggiornate dinamiche del mercato del lavoro – si legge nella presentazione del master, organizzato in collaborazione con Dicii e Harpaceas – In molti paesi europei le procedure Bim sono ormai obbligatorie nelle gare degli appalti pubblici e, anche in Italia, sono valutate positivamente in sede di gara di appalto. La carica innovativa e le enormi potenzialità che offrono le procedure Bim nella gestione del contratto, dalla progettazione all’esecuzione e alle problematiche della manutenzione, si riflettono sull’economia della costruzione, sulla drastica riduzione degli errori progettuali e sulla pianificazione della manutenzione stessa. Il dipartimento di ingegneria civile e ingegneria informatica dell’università di ‘Roma Tor Vergata’ si fa promotrice di un aggiornamento delle tematiche procedurali a cui i giovani ingegneri e architetti non potranno sottrarsi a lungo”.