Tornelli hi-tech all'Olimpico: tifosi identificati con la biometria - CorCom

SICUREZZA

Tornelli hi-tech all’Olimpico: tifosi identificati con la biometria

Le videocamere all’ingresso dello stadio romano saranno in grado di riconoscere eventuali responsabili di reati. No a “schedature” delle impronte digitali. Le informazioni saranno conservate per una settimana e poi cancellate. Ma i tifosi non ci stanno

09 Ago 2016

A.S.

Le nuove tecnologie utilizzate per garantire una maggiore sicurezza negli stadi. Si partirà dall’Olimpico di Roma, dove dalla stagione che inizierà il 20 agosto saranno attive le telecamere per il rilevamento biometrico ai tornelli d’ingresso, un sistema di sorveglianza che consentirà, spiega la prefettura, di gestire in sicurezza l’afflusso dei tifosi all’impianto sportivo. “Non si tratterà – sottolineano però dall’ufficio territoriale del Governo – del rilevamento delle impronte digitali”. La novità non è stata in ogni caso accolta con favore dalle organizzazioni dei tifosi romani, che si sono scatanti sui social contro le nuove misure di sicurezza, dopo la polemica durata per tutta la scorsa stagione contro le barriere all’interno delle curve.

Le telecamere già esistenti, quindi, saranno collegate a un software che acquisisce i dati biometrici della persona, dal colore dei capelli al colore degli occhi. Dati che saranno conservati per sette giorni e poi cancellati, e che potranno essere utilizzati solo nel caso di eventuali reati per cui si renda necessaria una procedura di identificazione per l’individuazione dei responsabili. La decisione è arrivata al termine del comitato per l’ordine e la sicurezza a palazzo Valentini durante il quale è stato anche deciso di mantenere le tanto discusse barriere nelle curve, una misura che lo scorso anno provocò lo “sciopero bianco” degli ultrà che per l’intera stagione disertarono lo stadio in segno di protesta.

WEBINAR
16 marzo - Scopri come far conoscere il tuo progetto innovativo a oltre 160 CIO!
Digital Transformation
Marketing

L’incontro che si è svolto ieri in prefettura è stato anche l’occasione per fare il punto sull’accordo firmato lo scorso febbraio con il Coni per una “migliore fruibilità dello stadio Olimpico agli spettatori”. In vista della nuova stagione calcistica, infatti, l’impianto sportivo avrà un innovativo sistema di videosorveglianza dotato di nuove telecamere, al quale sarà affiancato il potenziamento dell’illuminazione, non solo dell’Olimpico ma dell’intero Foro Italico. Novità importanti anche sul fronte della viabilità, uno dei nodi critici nel quadrante della Capitale dove sorge l’Olimpico: dalla prossima stagione saranno create, in via sperimentale, due aree di parcheggio (a piazzale Clodio e in Viale della XVII Olimpiade), dove i tifosi potranno lasciare le loro auto e raggiungere a piedi l’impianto sportivo. Sarà anche attivato un apposito servizio di steward che garantirà il flusso e l’organizzazione dei tifosi che potranno comunque parcheggiare gli scooter nella zona adiacente allo stadio.

Argomenti trattati

Approfondimenti

S
stadio Olimpico