Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Torri Business Development director per l’Italia

21 Gen 2011

Mobotix, multinazionale tedesca dei sistemi video ad alta
risoluzione e delle telecamere integrate su rete IP, ha annunciato
oggi la nomina di Stefano Torri in qualità di Business Development
director per l’Italia e le regioni dell’Europa Sudorientale: 19
Paesi tra cui quelli appartenenti alla zona balcanica, Grecia e
Turchia, Paesi del mediterraneo, Cipro, Malta, fino ad arrivare
all’estremo Est con Israele ed Azerbaijan.

Nel nuovo incarico, Torri sarà responsabile di un team di 6
persone – 2 risorse del corporate e 4 Business Development manager
dislocati nei vari territori – che l’azienda ha messo a
diposizione per affrontare al meglio le esigenze di questa porzione
di mercato europeo. Tra queste, Torri lavorerà a stretto contatto
con Marco Pili, riconfermato Business Development manager per
l’Italia.

Nato nel 1962, sposato e padre di una bambina, Stefano Torri ha
conseguito nel 1987 la laurea in Scienze Statistiche ed Economiche
presso la facoltà di Scienze Statistiche Economiche e Attuariali
dell’Università degli Studi di Bologna. La sua carriera prende
il via alla fine degli anni Ottanta quando, con la qualifica di
Multimedia Product Manager, viene assunto dalla reggiana Modo, uno
fra i distributori a valore aggiunto più innovativi e preparati
dell’intero panorama informatico nazionale.

Prima di approdare a Mobotix dal giugno del 2009 Stefano Torri ha
lavorato per la tedesca Grau Data. Come direttore delle vendite per
la macroregione Emea (Europa, Medio Oriente e Africa) ha curato lo
sviluppo del business dell’azienda consolidandone la presenza e i
canali distributivi al di fuori dei Paesi di lingua tedesca.

Sotto le insegne di Mobotix è ora chiamato a rafforzare la
popolarità del marchio e la diffusione delle sue soluzioni nella
Penisola e a favorirne la crescita nel mercato sudorientale,
insieme fra i più promettenti e difficili del Vecchio Continente.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link