IL CASO

Trade war, gli Usa studiano lo stop alle app che accettano l’e-yuan

Presentato in Senato un disegno di legge che punta a bannare dai marketplace statunitensi le app che supportano i pagamenti in valuta cinese digitale. Secondo i repubblicani sussistono problemi di privacy e sicurezza a livello nazionale

27 Mag 2022

Domenico Aliperto

cina-usa-techwar -trade

I senatori repubblicani vogliono impedire agli app store statunitensi, tra cui quelli di Apple e di Google, di ospitare applicazioni che consentono di effettuare pagamenti con la valuta digitale cinese. La motivazione fornita, ancora una volta, è quella legata alle preoccupazioni sulla sicurezza nazionale: gli estensori dell’iniziativa temono infatti che il sistema di pagamento possa consentire a Pechino di spiare gli americani.

Il contenuto del disegno di legge repubblicano

Il disegno di legge, presentato ieri dai senatori Tom Cotton, Marco Rubio e Mike Braun, afferma che le società che possiedono o controllano i marketplace “non trasporteranno o supporteranno alcuna app nei [loro] app store negli Stati Uniti che supporti o consenta transazioni in e-Cny“.

WHITEPAPER
In-store experience per la GDO: come usare la tecnologia per rispondere ai nuovi consumi
Digital Transformation
Retail

Secondo l’ufficio di Cotton, lo yuan digitale potrebbe fornire al governo cinese “la visibilità in tempo reale di tutte le transazioni sulla rete, ponendo problemi di privacy e sicurezza per gli americani che si uniscono a questa rete”.

Il Center for a New American Security, un think tank con sede a Washington, ha affermato in un rapporto del gennaio 2021 che la valuta digitale cinese e il sistema di pagamenti elettronici “probabilmente saranno un vantaggio per la sorveglianza del Pcc nell’economia e per l’interferenza del governo nel vite dei cittadini cinesi”, osservando che “le transazioni conterranno dati precisi sugli utenti e sulla loro attività finanziaria”.

Le app che accettano lo yuan digitale

La mossa arriva dopo che WeChat, applicazione di messaggistica e pagamento di proprietà della cinese Tencent con oltre 1,2 miliardi di utenti, ha annunciato che inizierà a supportare la valuta. Anche Alipay, la popolarissima app di pagamento di proprietà di Ant Group, accetta la valuta digitale. Ed entrambe i software sono disponibili negli App Store di Apple e Google.

L’ambasciata cinese a Washington ha definito la legislazione “un altro esempio di prepotenza arbitraria degli Stati Uniti su società straniere e un abuso del potere statale sul terreno insostenibile della sicurezza nazionale”.

Ma stando ai media locali, se l’obiettivo di fermare le potenziali minacce alla sicurezza nazionale provenienti dalla Cina è uno dei pochi punti di accordo bipartisan nel Congresso degli Stati Uniti, le prospettive per l’approvazione del nuovo disegno di legge prima delle elezioni di medio termine sono assai incerte.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
app store
M
moneta digitale
T
trade war

Articolo 1 di 4