Transizione digitale, le Regioni: "Rendere permanente la nostra presenza al Citd" - CorCom

L'APPELLO AL GOVERNO

Transizione digitale, le Regioni: “Rendere permanente la nostra presenza al Citd”

In vista della conversione in legge del decreto Ministeri, la Conferenza ha elaborato un emedamento ad hoc: “Gli enti territoriali hanno assoluta competenza, in alcuni casi anche esclusiva, nelle materie principali assegnate al Comitato interministeriale, come sanità digitale, competenze e banda ultralarga”

07 Apr 2021

Federica Meta

Giornalista

Rendere permanente la presenza delle Regioni e delle Province autonome nel Comitato Interministeriale per la Transizione Digitale (Citd), l’organismo che avrà il compito di effettuare il coordinamento e il monitoraggio dell’attuazione delle iniziative di innovazione tecnologica e transizione digitale delle pubbliche amministrazioni.
È la richiesta della Conferenza al governo in vista della conversione in legge del decreto legge del 1° marzo 2021 n. 22 – il cosiddetto decreto Ministeri – che istituisce il Citd.

Tra le materie di competenza del Comitato vi sono le attività di coordinamento e monitoraggio dell’attuazione delle iniziative relative alla strategia nazionale italiana per la banda ultralarga, alle reti di comunicazione elettronica satellitari, terrestri mobili e fisse, al fascicolo sanitario elettronico e alla piattaforma dati sanitari e allo sviluppo e alla diffusione delle tecnologie emergenti dell’intelligenza artificiale, dell’internet delle cose (Iot) e della blockchain.

Il comma 4 dell’articolo 8 del dl Ministeri stabilisce che: “Alle riunioni del Citd, quando si trattano materie che interessano le Regioni e le Province autonome, partecipano il Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome o un Presidente di Regione o di Provincia autonoma da lui delegato e, per i rispettivi ambiti di competenza, il Presidente dell’Associazione nazionale dei comuni italiani (Anci) e il presidente dell’Unione delle province d’Italia (Upi)”.

In altre parole gli enti territoriali sono chiamati a partecipare alle riunioni solo nel caso in cui si tratti di materie di loro competenza.

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha però approvato una proposta di modifica nel senso di rendere permanente la partecipazione del Presidente della Conferenza o di un suo delegato al Comitato Interministeriale per la Transizione Digitale.

“La richiesta emendativa – spiegano le Regioni – è motivata dal fatto che le Regioni hanno un’assoluta competenza, in alcuni casi anche esclusiva, nelle materie principali assegnate al Citd, come ad esempio sanità digitale, dati, formazione e competenze digitali e banda ultra-larga, per i quali – tra l’altro- hanno investito somme importanti dei propri fondi comunitari.

L’emendamento delle Regioni

Le Regioni chiedono di modificare il comma così come segue: “E’ membro permanente del Citd il Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome o suo delegato. Per i rispettivi ambiti di competenza, possono essere invitati quando si trattano materie di competenza comunale e provinciale il Presidente dell’Associazione Nazionale dei comuni italiani (Anci) e il presidente dell’Unione delle province d’Italia (Upi)”.

DIGITAL EVENT, 18 MAGGIO
I Dati sono il nuovo petrolio! Scopri l'evoluzione di Cloud, AI, Sicurezza per la gestione del dato

Il Comitato interministeriale per la Transizione digitale

Come previsto dal Dl Ministeri, il Comitato avrà le seguenti competenze: “Esame delle linee strategiche, delle attività e dei progetti di innovazione tecnologica e transizione digitale di ciascuna amministrazione, anche per valorizzarli e metterli in connessione tra loro in modo da realizzare efficaci azioni sinergiche; esame delle modalità esecutive più idonee a realizzare i progetti da avviare o già avviati; monitoraggio delle azioni e dei progetti in corso volto a verificare lo stato dell’attuazione delle attività, individuare eventuali disfunzioni o criticità e, infine, elaborare possibili soluzioni e iniziative”.

Inoltre sono ricomprese prioritariamente nelle materie di competenza del Comitato le attività di coordinamento e monitoraggio dell’attuazione delle iniziative relative:

  • a) alla strategia nazionale italiana per la banda ultralarga, alle reti di comunicazione elettronica satellitari, terrestri mobili e fisse;
  • b) al fascicolo sanitario elettronico e alla piattaforma dati sanitari;
  • c) alle iniziative per lo sviluppo e la diffusione delle tecnologie emergenti dell’intelligenza artificiale, dell’internet delle cose (IoT) e della blockchain.

Il decreto stabilisce anche il numero di addetti che andranno a lavorare nel Comitato: saranno 60, 25 tra il personale della Pubblica amministrazione in comando o fuori ruolo e 35 esperti della materia non dipendenti della PA. A tal fine vengono stanziati 2,2 milioni di euro per il 2021 e 3,2 nel 2022.

Del Cidt faranno parte il presidente del Consiglio dei ministri Mario Draghi o dal ministro delegato per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale, dal ministro per la Pubblica amministrazione Renato Brunetta, dal ministro dell’Economia e delle finanze, dal ministro della Transizione ecologica, dal ministro dello Sviluppo economico, dal ministro della Salute. Della Cultura e del Sud e Coesione territoriale.

Mentre Regioni e Province saranno al tavolo solo per le materie di loro competenza.

Presso la presidenza del Consiglio sarà costituita la segreteria tecnico-amministrativa del Citd con funzioni di supporto e collaborazione per la preparazione e lo svolgimento dei lavori e per il compimento delle attività di attuazione delle deliberazioni del Comitato.

Possono essere chiamati a partecipare ai lavori della segreteria tecnico-amministrativa rappresentanti delle pubbliche amministrazioni partecipanti al Comitato, che prestano la loro attività a titolo gratuito.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5