SCENARI

Transizione digitale: nel 2024 saranno 36mila le imprese 4.0 in Italia

La stima del Centro Studi Tagliacarne. Il 25% passerà all’azione grazie alle risorse del Pnrr. Big data, tecnologie predittive e robotica le aree in cui si stanno concentrando gli investimenti. Il direttore generale Esposito: “Bisogna diffondere ulteriormente la conoscenza delle opportunità in particolare nel Mezzogiorno e tra le aziende di minore dimensione”

02 Set 2022

Lorenzo Forlani

Immagine1

La strada della transizione digitale 4.0 verrà imboccata da 36 mila imprese in Italia entro il 2024, e tra esse una su quattro lo farà grazie alle risorse messe a disposizione dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr). Questo è quanto emerge da un’indagine condotta dal Centro Studi Tagliacarne, svolta su un campione di 4.000 imprese manifatturiere e dei servizi tra 5 e 499 addetti, rappresentativo dell’universo di 494mila mila imprese.

Più ottimismo tra chi investe nella transizione

L’indagine suggerisce come le imprese tendano a guardare al futuro con più ottimismo. Già nel 2022, il 46% delle aziende che opereranno la svolta digitale prevede aumenti di fatturato (contro il 38% delle imprese che non investono nelle tecnologie abilitanti) e il 51% conta di essere più presente sui mercati esteri (contro il 31%). Big Data (31%), simulazione dei processi produttivi per ottimizzarne il funzionamento (28%), Robotica (22%): questi sono i campi su cui investiranno di più nel passaggio verso la quarta rivoluzione industriale. Per gestire al meglio questa transizione, le imprese punteranno maggiormente sul capitale umano. In particolare, il 70% farà leva sulla formazione per acquisire nuove competenze (contro il 51% delle imprese non digitali), mentre l’87% acquisirà nuovi lavoratori ad elevata specializzazione (contro il 68% delle non digitali).

INFOGRAFICA
Manufacturing 5.0: ecco i vantaggi della monetizzazione dei dati!
Big Data
IoT

C’è una forte complementarietà tra investimenti in tecnologie 4.0 e la qualificazione delle risorse umane per aumentare il valore aggiunto dei prodotti, perciò il reperimento di profili professionali adeguati è un fattore strategico, ma anche critico. Oggi le imprese, infatti, denunciano difficoltà di trovare sul mercato più di un terzo delle figure ricercate con competenze 4.0”, ha sottolineato Gaetano Fausto Esposito, direttore generale del Centro Studi Tagliacarne, il quale aggiunge che “occorre anche fare in modo che non si creino fratture con il segmento di imprese che non ha ancora la capacità mettere in campo strategie più moderne. Per questo bisogna diffondere ulteriormente la conoscenza delle opportunità offerte al riguardo dal Pnrr, in particolare nel Mezzogiorno e tra le aziende di minore dimensione”.

Ad oggi, il 67% dell’universo delle imprese oggetto dell’indagine (332 mila in valori assoluti) non ha ancora investito in tecnologie 4.0. Una quota che sale al 70% al Mezzogiorno e caratterizza maggiormente i servizi (85%) rispetto al manifatturiero (60%). Più arretrate sono soprattutto le micro imprese (con 5-9 addetti ), l’84% di queste si trova infatti ancora ai nastri di partenza contro il 39% delle medio-grandi (50-499 addetti).

La svolta sarà più forte al sud e nel settore alimentare

La svolta sarà più forte proprio al Sud, dove il 13% delle imprese inizierà a virare verso le nuove frontiere digitali contro il 10% del Centro-Nord. Sono in particolare le imprese con più di quarant’anni di attività a sentire il bisogno di un cambio di passo per rinnovarsi (14% contro il 10% di quelle con minore anzianità). Ed è soprattutto il settore alimentare a rivelarsi più incline ad intraprendere questa trasformazione (16%).

Circa 2 imprese su 5 che hanno già avuto modo di investire nel 4.0 hanno dichiarato aumenti della produttività dei processi produttivi (in termini, ad esempio, di minori tempi di set-up, errori e fermi macchina) e delle risorse umane. Mentre una su tre ha evidenziato un aumento della velocità di produzione (passaggio più veloce dal prototipo alla produzione in serie) e della competitività, facendo leva sull’Internet of Things. Più in particolare, il 43% delle imprese che hanno aumentato i servizi alla clientela grazie all’Internet of Things prevede di superare quest’anno i livelli produttivi pre-Covid contro il 24% delle imprese 4.0 che non hanno seguito questa strategia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5