PIATTAFORME

Translation software, l’italiana Translated batte le big tech mondiali

È quanto emerge da un report Idc. L’azienda pioniera nei servizi linguistici supportati dall’intelligenza artificiale si piazza davanti a colossi come Google e Microsoft. Focus sulla tecnologia open source ModernMt utilizzata nell’ambito di due progetti di ricerca finanziati dalla Ue

Pubblicato il 26 Gen 2023

Domenico Aliperto

Translated, l’azienda italiana specializzata nei servizi di localizzazione assistita basata sull’intelligenza artificiale, è stata riconosciuta leader nel MarketScape “Worldwide Machine Translation Software 2022 Vendor Assessment” da Idc. Lo studio valuta le aziende che si occupano di traduzione automatica, o machine translation (Mt), in funzione delle capacità di esecuzione dei progetti dei clienti e dell’allineamento con le loro esigenze future. E Translated è riuscita per l’appunto a piazzarsi davanti a colossi come Google e Microsoft.

L’evoluzione dei software di traduzione automatica

Prima di descrivere le caratteristiche della tecnologia ModernMt di Translated che ne hanno portato al riconoscimento, Idc evidenzia le tappe evolutive delle soluzioni di traduzione automatica, partendo dalle esigenze degli utenti finali. Qualsiasi organizzazione che opera in un ambiente multilingue deve essere in grado di tradurre le comunicazioni interne ed esterne per essere efficace. I dipendenti di varie regioni devono comprendere i processi aziendali critici, le comunicazioni con i clienti e le informazioni tecniche sui prodotti; i clienti hanno bisogno di materiali di marketing e altri materiali esterni tradotti con particolare attenzione per garantire che il marchio e il messaggio chiave non vadano persi.

Questa attività veniva tradizionalmente svolta da traduttori umani, che col tempo sono stati sempre più frequentemente assistiti da software specializzati, ma ancora acerbi: dunque gli operatori finivano spesso per svolgere gran parte del lavoro, aumentando i costi. Inizialmente, infatti, i software di traduzione automatica si basavano su regole artigianali, per poi passare a modelli ampiamente statistici, ma ancora in difficoltà nel raggiungere traduzioni “simili a quelle umane”.

A partire dal 2016, tuttavia, l’ascesa del deep learning ha segnato un cambiamento nel modo di fare traduzione automatica. La traduzione automatica neurale, o basata sull’Ia, utilizza infatti il deep learning (in sostituzione o in combinazione con modelli statistici o basati su regole) per addestrare i sistemi di intelligenza artificiale a riconoscere i modelli linguistici e produrre traduzioni sempre più accurate. Questo è il metodo utilizzato oggi dalla maggior parte, se non da tutti, i fornitori di software di traduzione automatica. Durante il processo di traduzione vero e proprio, alcuni sistemi sono completamente o semi-supervisionati dall’uomo, mentre altri eseguono la traduzione in modo completamente non supervisionato (si noti che questo può differire dal livello di supervisione umana utilizzato nell’addestramento iniziale dei modelli neurali di traduzione automatica). In alcuni casi, il livello di input umano per i flussi di lavoro di traduzione può variare in base alla lingua o al tipo di contenuto e alle soglie di accuratezza stabilite dal cliente.

Sebbene la traduzione automatica neurale abbia cambiato le carte in tavola per il settore della traduzione automatica, non esiste ancora una capacità di traduzione universale. La maggior parte dei modelli di traduzione neurale sono buoni per il linguaggio generale, ma spesso non gestiscono particolarmente bene la terminologia specifica del settore o dell’azienda. In questi casi, alcuni fornitori offrono alle organizzazioni la possibilità di costruire modelli linguistici personalizzati che possono incorporare e gestire il gergo specifico del settore o dell’azienda. La traduzione automatica neurale ha di fatto trasformato la gestione di questa ampia varietà di lingue, ma l’accuratezza e la capacità variano sostanzialmente in base alla popolarità della lingua e alla quantità di dati di addestramento a disposizione del fornitore.

Con il miglioramento dell’accuratezza dei software di traduzione automatica, le organizzazioni hanno poi riscontrato problemi con i dipendenti che utilizzano strumenti online gratuiti per uso aziendale. Sebbene questi tool siano veloci, ragionevolmente accurati e pratici per l’uso individuale dei consumatori, non sono destinati all’uso aziendale e spesso non sono sicuri, con conseguente potenziale esposizione di informazioni sensibili.

Quando conviene acquistare una soluzione di traduzione automatica

Idc consiglia quindi di considerare attentamente i casi d’uso previsti, compresi aspetti quali le coppie di lingue richieste, i tipi e i formati di contenuto, i canali di comunicazione in tempo reale, l’audio rispetto al testo, i livelli di precisione, il tono formale/informale, i requisiti di sicurezza/conformità e la personalizzazione per il linguaggio specifico del settore, del caso d’uso o del marchio. Questa analisi preliminare aiuterà a determinare i settori in cui la traduzione automatica può fornire i maggiori vantaggi e i fornitori più adatti alle esigenze dell’organizzazione.

Bisogna porre attenzione anche alle diverse necessità rispetto ai livelli di accuratezza, tono, localizzazione e linguaggio specifico del marchio per i contenuti interni rispetto a quelli esterni. Sebbene la tecnologia di traduzione automatica sia migliorata notevolmente negli ultimi anni, molte organizzazioni preferiscono ancora avere un certo livello di convalida umana per i contenuti esterni, come i materiali di marketing e Pr.

Comprendere i requisiti in merito alla proprietà dei dati e dei modelli e discutetene in dettaglio con i potenziali fornitori è infine essenziale. Bisogna appurare se i modelli specifici per il cliente rimangono di proprietà del cliente stesso o se le conoscenze acquisite saranno utilizzate dal fornitore (ora o in futuro) per addestrare modelli generali per altri clienti. Sistemi più aperti possono offrire maggiori vantaggi in termini di continui miglioramenti della tecnologia, ma possono anche sollevare problemi di privacy o di concorrenza.

Le caratteristiche di ModernMt

Nel rapporto di Idc, in particolare, si osserva: “Si prenda in considerazione ModernMt di Translated per la traduzione automatica se si è una grande azienda multinazionale alla ricerca di un supporto multidominio adattabile che possa essere implementato in locale o tramite cloud, con supporto correlato per aree come la localizzazione e la convalida umana”.

ModernMt è un software di traduzione automatica adattivo e brevettato che supporta oltre 2.100 combinazioni linguistiche ed è disponibile sia per la traduzione in tempo reale che in batch. È spesso abbinato alla rete globale di Translated di 300 mila linguisti professionisti per convalidare e personalizzare contenuti complessi/di alto valore e fornire una vasta gamma di servizi che possono aiutare con la traduzione su larga scala.

L’innovazione continua e un forte modello multidominio sono i punti di forza della leadership di Translated, secondo il report. Idc MarketScape ha evidenziato il ruolo di Translated nello sviluppo di una tecnologia open source chiamata ModernMt nel corso di due progetti di ricerca finanziati dall’Ue avviati nel 2010. La traduzione a livello di documento e l’adattabilità contestuale in tempo reale sono considerate le sue caratteristiche più rilevanti. Idc MarketScape ha anche osservato: “I clienti hanno elogiato l’accuratezza di ModernMt, in particolare la sua capacità di adattarsi automaticamente a una vasta gamma di casi d’uso senza la necessità di una formazione aggiuntiva”.

“Il riconoscimento di Idc MarketScape segue quelli che Translated ha recentemente ricevuto da Intento e Gartner per la qualità della traduzione automatica e per i servizi di traduzione basata su intelligenza artificiale”, commenta l’amministratore delegato di Translated Marco Trombetti. “Siamo orgogliosi di guidare i progressi nella tecnologia che sta ridefinendo l’intero settore della localizzazione”.

I punti di forza di Translated e le sfide da affrontare

Tra i punti di forza della soluzione, Idc indica la propensione all’innovazione continua: la sua offerta commerciale si basa sulla tecnologia open source di ModernMt, consentendo a Translated di beneficiare delle innovazioni di quella comunità. Le funzionalità avanzate includono la traduzione a livello di documento e l’adattabilità contestuale in tempo reale. Il forte modello multidominio è poi molto apprezzato dai clienti che in particolare puntano sulla soluzione per la sua capacità di adattarsi automaticamente a un’ampia gamma di casi d’uso senza bisogno di ulteriore formazione.

Tra le sfide che l’azienda dovrà affrontare nel medio termine, Idc sottolinea la rete di partner limitata. Anche se non tutti i progetti di traduzione automatica richiedono il coinvolgimento di partner, la mancanza di partnership di Translated può essere limitante per un’impresa delle sue dimensioni. Translated dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di espandere la propria rete di partner, in particolare per contribuire a rafforzare i canali di vendita, man mano che cresce.

Similmente, l’approccio al software di traduzione automatica di Translated, incentrato sul cliente e sul prodotto, ha aiutato l’azienda a mantenere i clienti soddisfatti, ma richiederà una certa riconfigurazione per scalare con la continua espansione della base di clienti. Per mantenere una forte crescita e l’attuale livello di supporto, Translated dovrà quindi continuare a espandere la sua infrastruttura e la sua base di dipendenti, in particolare in aree come le vendite e il marketing.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5