Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Tre nuove integrazioni storage con la piattaforma VMware

19 Lug 2010

Emc Corporation, leader mondiale nelle soluzioni e tecnologie per
la gestione dell’infrastruttura informativa, ha annunciato tre
nuove integrazioni storage con la nuova piattaforma VMware vSphere
4.1, che consentiranno a clienti di ogni dimensione di migliorare
significativamente l’efficienza dei loro ambienti VMware.

Grazie a oltre 55 punti di integrazione con VMware, le soluzioni
combinate si rivelano facili da usare e permettono di ottenere il
massimo delle prestazioni. Emc offre il supporto in assoluto
maggiormente integrato alle soluzioni in ambiente VMware e conferma
il suo ruolo di piattaforma storage di riferimento in ambienti
VMware, con una presenza presso i clienti due volte superiore a
quella di ogni altro vendor.

Annunciato parallelamente, VMware vSphere 4.1 offre nuove VMware
vStorage Api for Array Integration (Vaai). Tramite queste Vaai,
VMware vSphere può ora scaricare alcune specifiche attività
storage verso gli array enterprise e mid-range di Emc, migliorando
sia le prestazioni del sistema che la sua efficienza complessiva. A
differenza di molti storage vendor, Emc supporta tutte le tre nuove
Api di vStorage, che comprendono: Full Copy. Emc, che permette di
velocizzare a livello hardware la copia dei dati, eseguendo tutte
le operazioni sull’array. Usando VMware Storage vMotion, i
clienti possono creare macchine virtuali e trasferire i dati tra
esse a una velocità dieci volte superiore.

Block Zero. Emc, che offre un’inizializzazione accelerata a
livello hardware, riducendo fino a dieci volte i processi di
Input/Output per i task più comuni, come la creazione di macchine
virtuali. Si tratta di una funzionalità particolarmente utile per
la creazione di macchine virtuali abilitate per il fault-tolerant
(Ft) o di cui si effettua il thin provisioning.

Hardware Assisted Locking. Emc offre controlli di locking più
avanzati su Vmfs, permettendo di allocare per ogni datastore un
numero di macchine virtuali fino a dieci volte superiore ed
effettuandono il boot fino a quattro volte più veloce. Questo
permette di migliorare le prestazioni di task classici, come la
migrazione delle macchine virtuali, l’accensione o lo spegnimento
contemporaneo di molte macchine virtuali e le creazione di una
macchina virtuale partendo da un template.

“La stretta integrazione con le soluzioni VMware accresce
ulteriormente il valore della virtualizzazione dei server e dello
storage per le aziende. Le VMware vStorage Api for Array
Integration (Vaai) consentono all’array di essere
“virtualization-aware”, e permettono alle macchine virtuali di
scaricare funzionalità storage specifiche – ha commentato David
Vellante, chief research advocate di Wikibon -. Abilitare le Vaai
può risolvere molte delle problematiche storage che oggi toccano i
clienti VMware, migliorare sensibilmente le performance,
semplificare il provisioning ed eliminare gli sprechi. Secondo i
nostri modelli, un’organizzazione con un fatturato di 1 miliardo
di dollari che destina il 4 per cento del fatturato all’IT può
risparmiare 20 milioni di dollari in cinque anni perseguendo un
approccio integrato alla virtualizzazione.”

“Emc collabora ancor più strettamente con VMware per ampliare
ulteriormente i nostri punti di integrazione a tutto vantaggio dei
clienti, che potranno sfruttare ancor meglio i progressi
tecnologici di VMware”, aggiunge Chad Sakac, Vice President,
VMware Technology Alliance di Emc -. La nostra ampia offerta si
integra ad ogni livello dello stack vSphere, per ogni cliente, con
ogni protocollo e soluzioni di ogni dimensione. Le soluzioni che
offriamo sono le più semplici da gestire e le più efficienti, per
questo Emc continua ad essere lo storage vendor di riferimento in
ambiente VMware.”