Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA CLASSIFICA

Tutela proprietà intellettuale, l’Italia perde colpi sulla scena globale

Arretramento al 31esimo posto del ranking International Property Index 2014. Pietro Paganini (Competere.Eu): “Per guadagnare posizioni serve crescere di più in innovazione”

28 Ott 2014

Antonello Salerno

L’Italia è sotto attacco della contraffazione internazionale in settori come l’agroalimentare, il design e la moda, e si colloca al quarantesimo posto della classifica stilata dalla Property Rights alliance, l’International Property Rights Index 2014. Il Paese si posiziona in questo campo a pari merito con Giordania e Costa Rica con il punteggio di 6.0, inferiore di 0.1 rispetto al punteggio dell’anno scorso.

Lo studio, presentato nel pomeriggio a Washington, misura come viene tutelata la proprietà in 97 paesi rappresentanti più del 98 per cento del prodotto interno lordo mondiale e il 93 per cento della popolazione. La nuova edizione 2014 riporta anche uno studio sul caso specifico italiano elaborato dai rappresentanti dei due think tank locali partner della Property Rights Alliance: Cesare Galli, senior fellow dell’Istituto Bruno Leoni e Pietro Paganini (nella foto), presidente di Competere.Eu e docente di Business administration alla John Cabot University.

“L’indice – dichiara Paganini – è uno strumento importante per governi e policy maker perché dimostra la relazione che esiste tra tutela della proprietà, innovazione e crescita economica. I Paesi che crescono di più sono, infatti, primi in innovazione e guidano la classifica dell’Ipri. Se vogliamo tornare a crescere dobbiamo intervenire in maniera più determinata per favorire e tutelare brevetti e marchi della nostra industria.”

“Il peggior punteggio ottenuto quest’anno – Aggiunge Roberto Race, segretario generale di Competere.Eu – smorza l’entusiasmo di qualche mese fa per la rimozione del nostro Paese dalla watchlist della United State Trade Rapresentative che misura l’efficacia e l’adeguatezza della tutela della proprietà intellettuale dei partner commerciali degli Stati Uniti. Non deve dunque ingannare il fatto che l’Italia abbia visto avanzare di 7 unità la propria posizione rispetto all’Indice del 2013. Ciò è infatti dovuto alla scomparsa dalla classifica di alcuni Paesi i cui dati non erano accurati o completi. E’ chiaro che l’Italia deve fare di più per creare un ambiente normativo favorevole alla crescita ed all’attrazione degli investimenti esteri”.

L’Italia resta a due punti di distanza, venti posizioni di distanza rispetto agli altri Paesi del G7 e ancor più staccata dai Paesi che guidano classifica quali Finlandia, prima con 8.5 e la Svezia, seconda con 8.3, entrambe in lieve calo rispetto al 2013, con un -0.1.

L’indice si compone di tre indicatori: il primo riguarda l’ambiente politico e giuridico dei 131 paesi (stabilità politica, corruzione, indipendenza della magistratura, stato di diritto) e vede l’Italia al cinquantunesimo posto con 5.6. Il secondo indicatore misura lo stato della regolamentazione dei diritti di proprietà fisica e vede l’Italia al sessantaquattresimo posto con un punteggio di 6.1. Infine, il terzo indicatore sulla proprietà intellettuale vede l’Italia al trentunesimo posto con 6.6 mentre Stati Uniti e Gran Bretagna sono secondi a pari merito con 8.3, la Germania è decima con 8.1, la Francia è quindicesima con 7.9.

Articolo 1 di 5