Twitter punta al raddoppio dei ricavi entro il 2023. E lancia nuove funzionalità - CorCom

STRATEGIE

Twitter punta al raddoppio dei ricavi entro il 2023. E lancia nuove funzionalità

Nei documenti inviati alla Sec, il ceo Jack Dorsey ha indicato ambiziosi obiettivi di crescita per il prossimo biennio. Si punta a 315 milioni di utenti monetizzabili dai 192 milioni di fine 2020

26 Feb 2021

Domenico Aliperto

Twitter è decisa ad aumentare la sua base utenti, offrire più funzioni e raddoppiare i ricavi entro il 2023. Sono queste le linee guida che il fondatore e amministratore delegato della piattaforma di microblogging, Jack Dorsey, ha indicato nei documenti inviati alla Sec, l’autorità garante del mercato americano. Ciò, ha precisato Dorsey parlando con un gruppo di analisti, “significa raddoppiare il numero di funzionalità fornite, che influenzano direttamente” le entrate o il numero di attività quotidiane monetizzabili degli iscritti. Il gruppo ha l’obiettivo dichiarato di raggiungere i 315 milioni di utenti monetizzabili nel giro di un paio d’anni, contro i 192 milioni registrati a fine 2020. Twitter prevede inoltre di raddoppiare la velocità con cui verranno creati nuovi strumenti e funzioni, in maniera tale da aumentare il tempo trascorso dalle persone sulla piattaforma.

Le nuove funzionalità di Twitter allo studio

In un confronto con gli analisti riportato da Cnbc, la società ha affermato che sta lavorando a Super Follows, che consentirà agli utenti di pagare gli abbonamenti ai loro account Twitter preferiti. Uno screenshot della funzione mostra che Super Follows potrebbe fornire agli abbonati contenuti esclusivi, come newsletter, oltre a badge sostenitori unici, tra gli altri vantaggi. “Riteniamo che un modello finanziato dal pubblico in cui gli abbonati possono finanziare direttamente i contenuti che apprezzano di più rappresenti un sistema di incentivi durevole, che allinea gli interessi di creatori e consumatori”, ha affermato Dantley Davis, responsabile del design e della ricerca di Twitter. Il Product Lead di Twitter Kayvon Beykpour ha aggiunto che la società prevede di portare Super Follows sul mercato entro quest’anno e ha precisato che il prezzo sarà personalizzabile.

WHITEPAPER
Scopri Digital Workspace: la guida ai servizi gestiti che abilitano lo smart working!
CIO
Dematerializzazione

Beykpour detto anche che Twitter sta lavorando anche a un’altra nuova funzionalità – in uscita sempre nel 2021 – che consentirà agli utenti di creare, scoprire e partecipare a microcomunità tematiche. “Gli utenti che gestiscono le microcomunità sarebbero anche in grado di impostare e applicare norme sociali che vanno al di sopra dei termini di servizio standard di Twitter”, ha affermato Beykpour. “Dobbiamo migliorare nel consentire alle persone di avere conversazioni più mirate alle comunità o alle aree geografiche pertinenti a cui sono interessati”, ha affermato Beykpour.

Il nodo della sicurezza delle conversazioni

I dirigenti di Twitter hanno poi sottolineato che mantenere un ambiente sano privo di abusi e molestie è la chiave per far crescere la base di utenti dell’azienda. “Non crediamo che Twitter da solo possa o debba essere un agente di polizia per tutte le conversazioni”, ha detto Beykpour. “Non solo perché questo aspetto è difficile da scalare, ma perché ci sono molte circostanze in cui crediamo sia importante per le persone su Twitter creare e applicare le proprie norme sociali e la propria etichetta”.

Come parte di questo sforzo, l’azienda ha brevemente mostrato una funzione che dovrebbe essere denominata “Safety mode“. Questa funzione rileva automaticamente quando un utente inizia a ricevere una raffica di interazioni negative da altri. Gli utenti potrebbero attivare la modalità di protezione per limitare il coinvolgimento degli account che agiscono in modo abusivo o che inviano spam.

Gli investitori sembrano attratti dalla prospettiva della società di raggiungere i 7,5 miliardi di ricavi nel 2023, più del doppio dei 3,7 registrati lo scorso anno, visto che le azioni hanno guadagnato il 5% al Nasdaq e sono tra le poche a brillare in una seduta decisamente negativa per i titoli tecnologici, che hanno perso il 3,4% a metà seduta.

@RIPRODUZIONE RISERVATA