Twitter sospende gruppo pro-Bloomberg: “Manipola la piattaforma" - CorCom

PRESIDENZIALI USA

Twitter sospende gruppo pro-Bloomberg: “Manipola la piattaforma”

Bloccate decine di account che riportano a materiale promozionale per la corsa alla Casa Bianca dell’ex sindaco di New York. Il social: “Alcune sospensioni sono permanenti, in altri casi stiamo verificando gli effettivi titolari dei profili”

24 Feb 2020

Antonio Dini

Un gruppo di almeno 70 account Twitter è stato bloccato durante il fine settimana dall’azienda californiana. L’accusa è di “manipolare la piattaforma” a vantaggio del candidato alle presidenziali americane Michael Bloomberg (nella foto). I provvedimenti messi in atto da Twitter sono un mix di chiusure permanenti degli account e di verifiche approfondite della loro effettiva titolarità.

Twitter ha spiegato alla stampa americana che gli account hanno violato le regole della piattaforma sulla manipolazione dei tweet e lo spam, utilizzando account multipli per sabotare e deviare numerose conversazioni online.

Questa politica di Twitter è pensata sia per chi crea più account per pubblicare contenuti in maniera ridondante e quindi aumentare la propria credibilità, sia chi “si coordina con altri o li compensa per ingaggiare in comportamenti artificiali, amplificando l’effetto della campagna, anche se poi le persone coinvolte utilizzano effettivamente un solo account ciascuno”.

WHITEPAPER
Come migliorare la redditività grazie alla digital transformation nel settore industriale
Digital Transformation
IoT

“Abbiamo chiesto – ha detto Sabrina Singh, portavoce della campagna di Bloomberg – che tutti i nostri organizzatori sul campo si identifichino nei propri account social come persone che lavorano per conto della campagna “Mike Bloomberg 2020”. Inoltre, il contenuto che viene condiviso dal personale e dai volontari all’interno della rete delle loro amicizie e dei loro famigliari non intende fuorviare nessuno».

La campagna di Bloomberg, ex sindaco di New York per dodici anni e imprenditore miliardario, ha investito un quantitativo di soldi enorme per la promozione online, molto più grande di qualsiasi altro candidato. Ma la campagna è basata anche sul supporto di centinaia di organizzatori digitali che supportano il candidato diffondendo sui propri canali social i contenuti preparati dallo staff di Bloomberg. Secondo il Wall Street Journal alcuni di questi supporter in California ricevono fino a 2500 dollari al mese per promuovere Bloomberg con post sui propri social.

Questo mese una partnership pagata tra Bloomberg e un popolare account Instagram che diffonde meme a milioni di follower ha spinto la casa madre, Facebook, ad annunciare che secondo le sue regole ai candidati presidenziali è permesso diffondere contenuti brandizzati o sponsorizzati sulle sue piattaforme di rete.

@RIPRODUZIONE RISERVATA