Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

BANDA ULTRALARGA

Ultrabroadband, 240 milioni dalla Bei per il piano Fastweb

L’investimento potrebbe essere finalizzato nelle prossime settimane. Coprirà metà delle spese dell’operatore per estendere la rete in fibra a 13 milioni di famiglie

22 Feb 2017

Antonello Salerno

Sarà la Bei a finanziare circa la metà del piano di investimenti per la realizzazione della rete in fibra ottica a 200 megabit del piano di Fastweb. Il progetto è infatti in fase avanzata di valutazione alla Banca europea degli investimenti, che conta di perfezionare l’operazione nelle prossime settimane, o al massimo nell’arco di pochi mesi. Lo conferma a Corcom la stessa Bei, sottolineando come uno dei suoi pilastri strategici sia quello di contribuire alla riduzione del digital divide nell’Unione europea: dei circa 84 miliardi investiti nel 2016, infatti, fa notare la Bei, circa il 15% è stato investito per perseguire questo obiettivo. Nel corso degli anni, inoltre, la Banca europea degli investimenti ha finanziato o sta finanziando in Italia tutti i principali operatori delle tlc impegnati nella riduzione del digital divide.

Il piano di Fastweb per l’espansione della propria rete in fibra ottica a 200 megabit prevede un investimento complessivo di circa 500 milioni di euro, per portare il servizio a 13 milioni di famiglie sul territorio nazionale. La controllata di Swisscom, guidata da Alberto Calcagno, serve attualmente con la banda larga 7,5 milioni di famiglie, delle quali 2,2 con il fiber to the home e 5,3 con il fiber to the cabinet. A piano concluso gli utenti Ftth sono destinati a sailre a 5 milioni, e a 8 quelli con il Fttc.

L’operatore può contare oggi in Italia su un portafoglio di 2,4 milioni di abbonati e ha chiuso il 2016 con tutti gli indicatori finanziari in positivo: fatturato a +3,4%, ebitda a +15%, utile netto a +239% e free cashflow a + 119%, mentre gli investimenti in tecnologie sono cresciuti lo scorso anno del 7,4% a 581 milioni.

Le linee di credito che la Bei sta considerando di destinare al piano di Fastweb, che già in passato era stata finanziata con risorse dell’istituzione europea, nel 2009 e nel 2013, riguardano un ammontare complessivo di 240 milioni di euro, sul totale di 487 milioni necessario per portare a termine l’operazione.