Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA DECISIONE

Unicredit via da Facebook: “Nostre piattaforme molto più efficaci”

La banca spiega a CorCom le motivazioni della scelta. Stop anche ai profili su Messenger e Instagram a partire dal primo giugno: “Investiamo costantemente nel miglioramento dei canali digitali per garantire un dialogo riservato e di alta qualità”. Rimarranno gli account Twitter e LinkedIn

06 Mag 2019

Antonello Salerno

Unicredit ritiene che i canali di contatto presenti nelle piattaforme di proprietà, coordinati attraverso un modello di servizio che offre assistenza a 360 gradi, rappresentino la miglior modalità di fornire un servizio adeguato ai propri clienti. Per questa ragione Unicredit investe costantemente nel miglioramento dei canali digitali al fine di garantire un dialogo riservato e di alta qualità. A livello di gruppo, così come in Italia, Unicredit manterrà attivi alcuni dei propri profili social come ad esempio Twitter e LinkedIn”. Così l’istituto di credito guidato da Jean Pierre Mustier spiega a Corcom la propria decisione di “abbandonare completamente” dal primo giugno i profili su Facebook e sugli altri social media di proprietà del social fondato da Mark Zuckerberg, Messenger e Instagram.

“Questa decisione – spiega la banca – verrà estesa a tutti i Paesi in cui Unicredit è presente con 26 milioni di clienti”.

La decisione arriva dopo che, nel marzo 2018, Unicredit aveva sospeso tutte le attività pubblicitarie su Facebook a causa delle preoccupazioni emerse sulla gestione da parte dell’azienda americana di alcuni episodi riportati dai media, esplose con il caso Cambridge Analytica e con la bufera sul trattamento dei dati riservati degli utenti che aveva coinvolto il social network.

Sul tema era intervenuto ad agosto 2018 direttamente l’amministratore delegato Jean Pierre Mustier, in occasione della presentazione dei conti semestrali del gruppo: “Abbiamo bloccato ogni interazione con Facebook – aveva detto riferendosi alle inserzioni pubblicitarie e alle campagne di marketing – perché non pensiamo che Facebook abbia un comportamento etico. Unicredit prende molto sul serio l’etica del business – aveva aggiunto – e non condivide i suoi dati con nessuno”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4