Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Vaccarono: “Semplificare norme dell’e-commerce”

Su quali strategie di legislatura deve puntare il nuovo governo? Quali sono i tre punti prioritari da affrontare nei primi 100 giorni? Rispondono i top manager dell’industry Ict. E’ la volta del country director di Google Italy

30 Gen 2013

Credo davvero che l’unica strategia di legislatura possibile, in questo momento, sia quella di modernizzare il nostro sistema produttivo. Se la grande vittoria del Governo Monti è stata mettere l’Italia al riparo dalla tempesta finanziaria, ora è chiaro che la questione sociale, e quella del lavoro, sono la priorità. Io credo – e i numeri confermano questa mia convinzione – che l’innovazione digitale sia la chiave per affrontarle.

È necessario abbandonare l’idea di Internet come un settore, e capire finalmente che il web rappresenta un’opportunità per l’intero sistema paese, perché le Pmi attive online fatturano di più e assumono di più; perché è dimostrato che al crescere della diffusione del web cresce l’occupazione, in particolare giovanile; perché una pubblica amministrazione digitale costa meno e funziona meglio. Per risolvere i problemi dell’Italia serve una vera rivoluzione digitale. Per innescare una rivoluzione digitale nel Paese, l’amministrazione pubblica deve essere da traino e da esempio. Anzitutto, è necessario rompere le resistenze e cambiare – ad esempio attraverso il cloud – il modo di lavorare della PA, in modo da liberare risorse senza tagliare i servizi. Poi, possiamo portare subito online il 100% dei rapporti tra gli uffici pubblici e tra questi e le imprese. In questo modo si semplifica la vita ai piccoli imprenditori, si spingono le Pmi a essere più attive sul web e si riducono i costi della PA. Il Politecnico di Milano calcola che passando dal 5% attuale al 30% di e-procurement per l’acquisto di beni della PA, si risparmierebbero 7 miliardi l’anno. Infine, è necessario semplificare le norme per il commercio online, oggi numerose e confuse, per dare anche ai piccoli imprenditori la possibilità di cogliere questa opportunità.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
agenda digitale
F
fabio vaccarono
G
Google Italy