Nasce l’Insurtech Innovation Index, la mappa nazionale degli investimenti - CorCom

L'INIZIATIVA

Nasce l’Insurtech Innovation Index, la mappa nazionale degli investimenti

In campo l’Italian Insurtech Association e l’Osservatorio Fintech & Insurtech del Politecnico di Milano: a dicembre i primi risultati

06 Lug 2020

Enzo Lima

Come sta evolvendo l’insurtech italiano? A quanto ammontano gli investimenti? L’Italia è in linea con le economie più avanzate? Tutte le risposte saranno messe nero su bianco nell’Insurtech Innovation Index, il primo indicatore italiano creato dall’Italian Insurtech Association in collaborazione con l’Osservatorio Fintech & Insurtech del Politecnico di Milano.

In dettaglio, l’indice misurerà il grado di innovazione del settore assicurativo italiano con dettagli sugli investimenti di capitale nelle società del settore InsurTech e nelle startup e Pmi innovative del settore assicurativo, quelli messo in campo nello sviluppo digitale da parte di compagnie, intermediari professionali e fornitori dell’industria assicurativa e quelli frutto della collaborazione fra attori della filiera finalizzati a sviluppare soluzioni innovative e ad alto contenuto tecnologico.

Le rivelazioni saranno effettuate intervistando ogni sei mesi un panel selezionato di soggetti e gli investimenti saranno distinti fra quelli in Innovazione & Change e quelli destinati ad adeguamento e run.

WHITEPAPER
Vita da CEO: quali sono gli strumenti necessari ai manager per vincere le sfide professionali
CIO
Digital Transformation

Il primo report verrà pubblicato a dicembre 2020, il successivo nel giugno 2021. Nel dicembre 2021 sarà pubblicato il report annuale. Monitoraggio e analisi proseguiranno negli anni anche comparando le dinamiche italiane con quelle internazionali.

“L’insurtech italiano sta crescendo ma l’entità degli investimenti nelle imprese e nelle tecnologie è ancora ben inferiore a quella delle altre economie avanzate”, sottolinea Simone Ranucci Brandimarte, socio fondatore e Presidente dell’IIA. “Recuperare questo ritardo deve essere una priorità per tutti gli attori dell’industria assicurativa: la crescita dei prossimi anni dipenderà solo da questo. L’indicatore ci aiuterà a capire la direzione dell’innovazione tecnologica nel nostro Paese, dove e come intervenire. È un lavoro che intendiamo fare a beneficio dell’intera industria assicurativa”. Filippo Renga, Direttore dell’Osservatorio Fintech & Insurtech del Politecnico di Milano evidenzia che “l’Open Insurance sta muovendo i primi passi in Europa e nel Mondo, ed influenzerà in modo rilevante la competitività del settore, mentre l’Insurtech è una delle frontiere di innovazione più rilevanti e dinamiche del mondo finanziario. I nostri dati dimostrano anche che molto deve essere ancora capito e spiegato nel settore. Questo indicatore è un ulteriore passo in questa direzione e ci fa estremo piacere farlo con Italian Insurtech Association”.

L’istituzione dell’indice rientra tra gli interventi previsti dall’IIA per monitorare e comprendere l’evoluzione del mercato, una dei quattro obiettivi prioritari del Manifesto Programmatico associativo. Gli altri sono: la promozione di modelli d’offerta flessibili, personalizzati e data driven, basati su on boarding digitale e pagamenti a distanza e/o ricorrenti; il miglioramento dell’assetto tecnologico delle imprese e la crescita in termini di formazione e di competenza delle risorse umane; il contributo, attraverso il dialogo con le istituzioni, all’evoluzione della normativa e del contesto in cui il comparto assicurativo opera.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3