Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

“Viaggio nell’Italia che innova”: due giorni per raccontare come cambia la manifattura

Evento organizzato da IlSole24Ore, Confindustria ed EY per raccontare le eccellenze della manifattura che investe in R&S. Le prossime tappe a Bari e Milano ad inizio 2016

01 Dic 2015

Andrea Frollà

“Le imprese che disegneranno traiettorie della manifattura del futuro si sono raccontate”. Con questa formula si è aperto ieri a Bologna il “Viaggio nell’Italia che Innova”, iniziativa del Sole24Ore in collaborazione con Confindustria ed Ernst&Young.

Dal capoluogo emiliano e precisamente dal luogo emblema della connessione tra passato e futuro della città, ossia l’Opificio Golinelli, è partita una due giorni di confronti e eventi per raccontare il tessuto più innovativo del paese. La storia delle aziende che grazie alla ricerca e allo sviluppo riescono oggi a competere anche con grandi big multinazionali.

Alle 10 di stamattina, al Mast di via Speranza 42, è iniziata la seconda giornata dedicata interamente al rapporto tra imprese e sistema Paese al termine della quale IlSole24Ore proporrà un manifesto per l’innovazione da discutere nelle successive tappe, che si terranno a Bari e Milano a inizio 2016.

“Siamo qui come attori di questo rivoluzionario cambiamento spinto dalle nuove tecnologie digitali. È indispensabile un approccio di sistema in grado di coinvolgere tutti: imprese, cittadini, scuole, Pa e mondo economico-finanziario – sottolinea Donato Iacovone, managing partner dell’Area Mediterranea di Ernst&Young-. In Italia scontiamo, oltre ad un ritardo tecnologico, anche uno scarso utilizzo dei servizi elettronici di nuova generazione che facilitino le persone e delle cultura digitale nel processo educativo dei giovani nelle scuole”.