Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Vodafone apre l’eco-spazio per il riciclo dei cellulari

01 Apr 2009

Al via la seconda edizione  della campagna “il tuo telefonino
ha ancora tanta energia”, organizzata da Vodafone con
l’obiettivo di dotare le scuole di impianti fotovoltaici, in
collaborazione con Enel e Legambiente. Quest’anno, a completare
l’iniziativa, la compagnia telefonica inaugura a Milano  il
primo “spazio responsabile” dove, dal 1° all’11 aprile, è
possibile smaltire vecchi cellulari e partecipare
all’estrazione di una bicicletta, ricaricare il proprio
telefonino con Ecoricarica, la nuova ricarica da 60 euro, grazie
alla quale per ogni acquisto Vodafone devolverà un euro a
sostegno delle attività del Progetto MyFuture per la tutela
dell’ambiente; acquistare borse esclusive realizzate,
riciclando i cartelloni delle campagne pubblicitarie.

Il progetto MyFuture non si limita, però, allo spazio milanese.
La raccolta dei telefoni continua, infatti, anche nei negozi
Vodafone One; i  clienti Vodafone, invece, possono contribuire
anche inviando un sms di 3 euro al numero 48535. La seconda
edizione della campagna è anche l’occasione per promuovere le
attività della Fondazione Vodafone Italia che dal 2002 si dedica
ad attività di servizio e di solidarietà sociale. Dal 2002 al
2008 la Fondazione ha finanziato 237 progetti per un totale di
oltre 38 milioni di euro e per il periodo 2008-2011 ha scelto di
focalizzare i propri interventi nell’ambito delle periferie
urbane, ponendo ancora al centro dell’attività le situazioni
di grave emarginazione sociale.


La prima edizione della campagna "verde" di Vodafone,
che ha coinvolto in un tour itinerante 10 città italiane e gli
oltre 700 negozi Vodafone One, ha permesso raccogliere oltre
20mila terminali. Il ricavato dalla loro rigenerazione ha
permesso di finanziare l’installazione degli impianti
fotovoltaici nelle sei scuole individuate con il supporto di
Legambiente nelle città di Palermo, Agrigento, Grosseto,
Pesaro, Comacchio e La Spezia. L’installazione degli impianti
è stata effettuata da Enel.