Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Vodafone e Alcatel-Lucent insieme per la banda superveloce

Si tratta della prima sperimentazione in campo in Europa del sistema Twdm-Pom, che porta 40 Gbps sulle reti di nuova generazione, per far fronte alla crescita del traffico dati e alla domanda di backhauling mobile

23 Lug 2015

A.S.

Per la prima volta sarà sperimentata in campo, in Europa, la tecnologia di accesso a banda ultra larga Twdm-Pon, per far fronte alla crescita del traffico dati e alla domanda di backhauling mobile. A dar vita alla collaborazione sono Alcatel-Lucent e Vodafone.

“Grazie alla tecnologia Twdm-Pon (Time and Wavelength Division Multiplexed Passive Optical Networks) di Alcatel-Lucent, Vodafone potrà raggiungere velocità fino a 40 Gbps (gigabits per second), sfruttando 4 lunghezze d’onda da 10 Gbps, sulle infrastrutture in fibra esistenti per offrire nuovi servizi dati per clienti residenziali e assicurare la capacità richiesta dagli utenti business – si legge in una nota – La tecnologia Twdm-Pon incrementerà la capacità di banda di Vodafone per consentire agli oltre 446 milioni di utenti mobili nel mondo di evolvere verso servizi 4G”.

La sperimentazione in campo, prosegue il comunicato, segue il completamento dei test di laboratorio, condotti con successo a Vigo, in Spagna, durante i quali la tecnologia Twdn-Pon di Alcatel-Lucent ha raggiunto velocità di 20Gbps utilizzando due lunghezze d’onda. Questa tecnologia permetterà a Vodafone di incrementare la capacità e offrire servizi convergenti per clienti residenziali e business, in modo efficiente e ampliando l’offerta, il tutto sulla rete in fibra esistente.

“Abbiamo lavorato con Alcatel-Lucent allo sviluppo del Twdm-Pon per diversi anni e i test hanno sempre prodotto risultati straordinari – afferma Gavin Young, head of Fixed access, del Gruppo Vodafone – Siamo impazienti di sperimentare sul campo questa tecnologia in Europa”.

“Vodafone vuole incrementare la capacità per far fronte alla domanda del mercato. Vuole anche trarre benefici dalle efficienze operative per mantenere la competitività in un mercato sempre più complesso – commenta Federico Guillén, presidente delle attività di accesso fisso di Alcatel-Lucent – Siamo impegnati a offrire loro le tecnologie innovative che permettano di ridurre i costi e di semplificare l’offerta di nuovi servizi. Ecco perché il Twdm-Pon è importante per loro”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
alcatel-lucent
F
Federico Guillén
V
Vodafone

Articolo 1 di 3