Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INTERNET OF THINGS

Vodafone spinge sulla smart home e lancia il kit chiavi in mano V-Home

Sul mercato italiano in esclusiva la piattaforma SmartThings di Samsung che consente di gestire e monitore i dispositivi connessi nelle abitazioni direttamente dallo smartphone. Nel pacchetto inclusi anche servizi di assistenza e la polizza Zurich Assistenza Casa che permette di poter contare su tre interventi professionali l’anno. IoT chiave di volta per la sicurezza domestica

16 Lug 2018

Enzo Lima

Gestire, monitorare e far interagire tra loro i dispositivi connessi della propria abitazione direttamente dallo smartphone. Queste le funzionalità innovative di V-Home by Vodafone la “piattaforma” per la smart home basata sul sistema open SmartThings di Samsung. Disponibile in esclusiva in Italia con Vodafone. Il sistema di Samsung consente attraverso l’hub WiFi di connettere i dispositivi domestici. Lo starter kit si compone di composto, oltre che del Wifi hub, da una telecamera di sicurezza, un sensore multifunzione e una sirena.

Lo SmartThings Wifi hub è in grado di gestire un gran numero di prodotti IoT compatibili – la gamma di dispositivi continuerà ad arricchirsi per tutto il 2018 – e di connetterli alla piattaforma aperta SmartThings. La telecamera permette di ottenere immagini di alta qualità (dispone di un sistema di rilevamento del movimento e di visione a infrarossi incorporata per le ore notturne), archiviando le registrazioni degli ultimi 14 giorni nel cloud video personale crittografato di “V-Home by Vodafone” e la  visualizzazione dei video in cloud – puntualizza l’azienda – è possibile senza consumare i Giga della propria offerta. Riguardo al sensore multifunzione, collocabile su porte o finestre, questo invia una notifica di allarme immediato nel caso di apertura anomala o di cambiamenti di temperatura e vibrazioni all’interno di una stanza, inviando una notifica se la stanza è troppo calda oppure troppo fredda, o se qualcuno bussa alla porta. La sirena-allarme infine è dotata di luce stroboscopica e può essere collegata a qualsiasi presa di corrente connettendosi al Wifi hub tramite il protocollo wireless ZigBee.

La configurazione iniziale di “V-Home by Vodafone” è molto semplice, spiega l’azienda: il cliente deve solo accedere tramite lo smartphone all’app “V by Vodafone” ed eseguire la scansione del QR code sul Samsung SmartThings Wi-Fi hub per collegare il dispositivo al suo account “V by Vodafone”. In questo modo ogni dispositivo connesso, come le telecamere o i sensori, viene automaticamente rilevato e aggiunto alla rete.

Una volta attivati i dispositivi, i clienti possono verificare in ogni momento il loro stato e impostare le regole di attivazione e le preferenze di utilizzo, oltre a gestire da remoto i dispositivi e gli elettrodomestici connessi della propria casa, anche tramite gli assistenti vocali presenti sul mercato. Nella soluzione sono inclusi i servizi “V-Home Alarm Assistant” e “V-Home Monitor”. “V-Home Alarm Assistant” è il servizio che, in caso di evento inatteso rilevato, garantisce ancora più protezione al cliente, avvisandolo in più modi. Prima con una notifica sull’app e, successivamente, solo se l’allarme non viene disattivato, con un Sms, una chiamata tramite IVR e, infine, tramite un consulente dedicato. In caso di fallimento di tutti questi tentativi di avviso, entro i 15 minuti successivi all’attivazione dell’allarme verranno chiamati altri 5 contatti selezionati dal cliente in fase di configurazione. “V-Home Monitor” è invece l’interfaccia all’interno della applicazione che permette di attivare e disattivare, anche da remoto, tutti i dispositivi connessi e i servizi di V-Home, in maniera intuitiva grazie a una configurazione già preimpostata. Grazie a questo servizio, i clienti possono configurare e fare interagire tra di loro una vasta gamma di dispositivi, oltre a quelli legati alla protezione. Tra questi: sensori di temperatura d’ambiente, rilevatori di calore, lampadine connesse, ecc.

Grazie alla collaborazione con Zurich Italia, inoltre, tutti i clienti che decideranno di attivare “V-Home by Vodafone” avranno in regalo “Zurich Assistenza Casa”, il servizio di assistenza domestica che prevede l’invio di uno specialista (idraulico, sorvegliante, fabbro, vetraio) in caso di emergenza, per un massimo di 3 interventi all’anno per ogni tipologia di intervento, con un massimale di 150 euro ciascuno.

“V-Home by Vodafone” ha un costo iniziale di 349 euro e un canone mensile di 7 euro per il servizio. Per chi è già cliente di Vodafone, l’abbonamento mensile viene automaticamente addebitato sulla fattura Vodafone. “V-Home by Vodafone” e il Samsung SmartThings Wi-fi  hub sono disponibili nei negozi Vodafone e sui canali di vendita online di Vodafone. Il lancio di “V-Home by Vodafone” avviene in concomitanza con la pubblicazione di una ricerca commissionata da Vodafone che dimostra come, in tema di sicurezza domestica, i consumatori europei sono più propensi ad affidarsi alla tecnologia delle telecomunicazioni che ai servizi di vigilanza professionali.

Il sondaggio, condotto da Censuswide ha intervistato più di 10.000 persone in cinque paesi europei, rilevando come la nuova tecnologia IoT consumer abbia il potenziale per rendere la sicurezza domestica più accessibile in termini di costi e semplicità di utilizzo. Stando ai risultati dell’indagine gli intervistati si sentirebbero più tranquilli se l’azionamento di un allarme nella loro abitazione gli venisse notificato sullo smartphone (77%) o se, sempre attraverso il loro dispositivo mobile, avessero la possibilità di monitorare una telecamera di sicurezza domestica (73%), rispetto all’affidabilità che gli darebbe un servizio di vigilanza professionale (56%). Per metà degli intervistati (50%) il problema della sicurezza domestica è una preoccupazione quotidiana, soprattutto la sera, al momento di andare a dormire (50%), eppure più di un terzo (35%) non si è ancora dotato di un sistema di sicurezza. Il 40% degli intervistati, infine, non ha in programma di installare un sistema di sicurezza domestica, principalmente perché non se lo può permettere.

 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5