Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

VIDEOGIOCHI

Wargaming scommette sull’Italia e arruola Buffon

Il colosso bielorusso dei videogiochi avvia una massiccia campagna per promuovere “World of Tanks”, il gioco d’azione online di ambientazione militare. Testimonial il capitano della Nazionale di calcio

07 Mag 2018

Domenico Aliperto

La software house bielorussa Wargaming, specializzata nella realizzazione di videogiochi di ambientazione militare, ha deciso di avviare in Italia una massiccia campagna promozionale coinvolgendo come testimonial di uno spot televisivo uno dei calciatori più popolari al mondo, Gigi Buffon. Il capitano della Nazionale presterà il proprio volto a World of Tanks, gioco d’azione on line multiplayer a squadre (con una base di oltre 160 milioni di utenti registrati) dedicato alle battaglie fra mezzi corazzati del XX secolo.

Una conferma di come l’Italia sia una scelta mirata nei piani della multinazionale (la cui sede principale è a Cipro), che punta a occupare anche nel nostro Paese una posizione rilevante nei giochi on line d’azione. D’altra parte i numeri danno ragione a Wargaming: stando ai dati Aesvi, vale quasi 1,5 miliardi di euro il mercato italiano dei videogiochi, settore capace di crescere anche in tempo di crisi,con una performance che nel 2017 si è mantenuta superiore al 7% in tutti i suoi segmenti. Sono 17 milioni gli italiani che negli ultimi dodici mesi hanno giocato almeno una volta a un videogame, vale a dire il 57% della popolazione tra i 16 e i 64 anni. E questa cifra è destinata ad aumentare sensibilmente nel giro dei prossimi due anni, quando si vedranno gli effetti della Legge Cinema e Audiovisivo che per la prima volta ha esteso gli incentivi fiscali alla produzione di videogiochi.

Il profilo del giocatore italiano che emerge dal recente rapporto presentato da Aesvi, sembra infatti adattarsi perfettamente all’identikit ricercato da Wargaming. Il 59% dei giocatori italiani sono uomini compresi tra i 16 e i 64 anni, uniformemente distribuiti per fasce d’età: 25-34 (15%), 35-44 (13%) e 45-54 anni (12%). Un target che secondo Wargaming è perfettamente in linea con la strategia comunicazionale che farà perno sul volto di Buffon.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5